Ennio Flaiano

Nato il 5 marzo del 1910 a Pescara nel quartiere antico Portanuova, in una casa sul corso G. Manthonè, ultimo di sette figli, da Cetteo Flaiano e Francesca Di Michele , il giovane Ennio passa un’infanzia di viaggi e spostamenti continui tra  Pescara, Camerino, Senigallia, Fermo e Chieti tra scuole e collegi. Nel  1922 arriva a Roma (viaggiando il 27 ottobre in treno, per fortuita coincidenza, in compagnia di fascisti della Marcia su Roma, più tardi ne racconterà gustosi aneddoti). Nella capitale compie gli studi secondari superiori nel Convitto nazionale  fino al liceo artistico (diplomato nel 1929) e si iscrive alla Facoltà di architettura, senza però terminare gli studi universitari. Fu sceneggiatore, scrittore, giornalista, umorista, critico cinematografico e drammaturgo. Specializzato in elzeviri, Flaiano scrisse per Oggi, Il Mondo, il Corriere della Sera e altre testate. Lavorò a lungo con Federico Fellini, con cui collaborò ampiamente ai soggetti e alle sceneggiature dei più celebri film del regista riminese, tra i quali La strada, La dolce vita e 8½.
Morì a Roma per un infarto mentre si trovava in una clinica dove si era recato per alcuni semplici accertamenti. Due settimane prima aveva pubblicato sul Corriere della Sera il suo ultimo articolo di carattere autobiografico. Al cinema e alla città di Roma lo legherà per sempre un rapporto di amore-odio. Ha l’intelligenza e la sensibilità di comprendere i processi politici, sociali e di costume in corso e prevedere scenari futuri: “Fra 30 anni l’Italia non sarà come l’avranno fatta i governi, ma come l’avrà fatta la TV.” Sulla targa posta davanti alla sua casa a Montesacro è scritto: “qui visse Ennio Flaiano. Con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole…”.
Nel 2010 le poste italiane hanno voluto ricordare il fine autore satirico con un francobollo da 0,60 euro emesso in occasione del centenario della sua nascita, che ne raffigura il ritratto con un libro aperto dal quale fuoriesce una pellicola cinematografica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui