Lapide

Le Pasque Veronesi furono un episodio di insurrezione della città di Verona e dei suoi dintorni contro le truppe di occupazione francesi, comandate dal generale Napoleone Bonaparte e furono così chiamate anche per assonanza con i Vespri Siciliani. La rivolta, scoppiata per via dell’oppressione francese in città in quanto durante il loro soggiorno a Verona vi furono confische di beni ai cittadini e complotti per tentare di rovesciare l’amministrazione locale, iniziò la mattina del 17 aprile 1797, il secondo giorno di pasqua: la popolazione esasperata riuscì a mettere fuori combattimento più di mille soldati francesi, soprattutto nelle prime ore della battaglia, mentre i militi francesi cercavano di rifugiarsi nei castelli della città, successivamente presi d’assalto. L’insurrezione terminò il 25 aprile 1797 con l’accerchiamento della città da parte di 15.000 soldati: le conseguenze a cui la città e i cittadini dovettero far fronte furono principalmente il pagamento di ingenti somme e le razzie di opere d’arte e di beni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui