Giovani Servizio Civile

Nella cittadina di Sermoneta il Comune continua con l’esperienza del Servizio civile universale, un’importante occasione di crescita personale e professionale per i giovani. Il progetto è giunto al suo secondo anno ed è stato fortemente voluto dall’Amministrazione guidata dal sindaco Giovannoli fin dal suo insediamento, come attenzione al mondo giovanile offrendo delle opportunità formative e di sviluppo delle proprie competenze e capacità individuali. Nella mattinata del 21 luglio i 24 giovani selezionati del dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, tra coloro che avevano fatto domanda per avere come sede il Comune di Sermoneta, hanno preso formalmente servizio con la stipula del contratto. Un numero di adesioni praticamente raddoppiato rispetto allo scorso anno. Ha spiegato il sindaco Giuseppina Giovannoli, che si è rivolta direttamente a ragazze e ragazzi: “Il servizio civile rappresenta per i ragazzi una occasione di crescita e di acquisizione di nuove competenze indispensabili per il futuro, competenze che saranno certificate e quindi parte integrante del proprio curriculum. Vi chiedo impegno, entusiasmo e dedizione, se siete qui è perché avete avuto una grande opportunità di arricchimento umano e professionale, per voi stessi e di conseguenza per l’intera comunità. Tra un anno terminerete questa esperienza con un bagaglio di conoscenze fondamentali per il vostro futuro”.I ragazzi che hanno iniziato il Servizio Civile sono Francesca, Consuelo, Michele, Gabriele B., Madalina Augusta, Zaira, Michele Z., Giada, Francesca, Gioele, Andrea M., Andrea S., Francesca M., Dario, Marika, Alex, Federica, Alicia, Lorenzo, Laura, Alessandro, Sara Michelle, Gabriele M., Francesca S.; hanno tra i 19 e i 27 anni e gran parte di loro sono residenti a Sermoneta; hanno entusiasmo e voglia di mettere a disposizione della città e della collettività la propria preparazione. Tra loro anche molti studenti universitari che in questo modo possono proseguire il loro percorso di studi, potendo contare su un introito mensile e un’esperienza curricolare.
I giovani del servizio civile prenderanno servizio, dopo la formazione obbligatoria, dividendosi tra gli uffici comunali, i musei e l’archivio storico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui