Polizia

Non era una vera e propria organizzazione criminale ma un gruppo ben strutturato che si dedicava soprattutto alla vendita di cocaina sulle piazze di Latina e di Cisterna. Ne sono convinti gli investigatori della squadra mobile di Latina che il 27 maggio, al termine di un’indagine coordinata dalla Procura, hanno sgominato la banda e arrestato cinque persone, Marco Costanzo, 46 anni; Nazzareno Di Giorgio, 50 anni, Emiliano Valenti, 45 anni, Andrea Reale, 47 anni, e Mario Guiglia, 52 anni. Nell’ambito dell’operazione Bellavista, è finito però in manette anche Giovanni Cambria, estraneo al gruppo dello spaccio ma accusato di essere l’esecutore di due attentati ai danni del fioraio Marco Costanto e di Nazzareno Di Giorgio, il cui movente è stato rintracciato in una questione del tutto personale legata alla gelosia. Dai dettagli dell’indagine condotta dalla Mobile di Latina e partita proprio dai due atti intimidatori avvenuti nel capoluogo rispettivamente a marzo e a giugno del 2019, emergono anche le modalità di azione del gruppo. In particolare Di Giorgio provvedeva al taglio e al confezionamento dello stupefacente; Vaneti, Guiglia e Costanzo si occupavano invece della vendita al dettaglio e Andrea Reale riforniva invece il gruppo. La droga era custodita all’interno di un garage che si trovava a Latina, diventato un vero e proprio fortino in cui erano stati installati anche particolari congegni per individuare microspie. La ricostruzione degli affari della banda è stata possibile grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali scattate dopo i due attentati e grazie anche alla testimonianza dei clienti, spesso professionisti sui 30-40 anni ma anche persone più giovani.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui