Hanno colpito anche a Latina e provincia: arrestati ladri dai Carabinieri a Jesi

Gomma bucata

 Una banda che ha colpito anche nella provincia di Latina quella che è stata sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Jesi, in provincia di Ancona. I militari hanno dato esecuzione nella mattinata del  24 aprile, ad un’ordinanza di custodia in carcere nei confronti di 7 uomini tutti di origini napoletane tra i 23 e i 50 anni, nell’ambito dell'”Operazione Pneus”. I sette finiti agli arresti devono rispondere delle accuse in concorso di furto aggravato, danneggiamento e utilizzo indebito di carte di credito e bancomat. Come ha scritto AnconaToday, le indagini condotte dai Carabinieri di Jesi, e coordinate dalla Procura della Repubblica di Ancona, hanno permesso scoprire e fermare una pericolosa banda campana che è ritenuta responsabile di 63 furti in auto in sosta. La tecnica utilizzata dai malviventi era quella della foratura dello pneumatico e le vittime preferite erano donne o anziani.  Dopo aver scelto un centro commerciale, i malviventi, che in genere agivano sempre in 2 o 3, selezionavano una delle auto parcheggiate e bucavano la gomma anteriore sinistra. Quando la vittima una volta accortasi del danno scendeva dall’auto per cambiare lo pneumatico lasciando incustoditi i propri beni, entravano in azione aprendo lo sportello opposto, così che la vittima non potesse accorgersi di nulla, e si dileguavano con contanti, carte di credito, bancomat I colpi, che fruttavano incassi dai 500 ai 6500 euro, sono stati messi a segno non solo nella zona di Ancona, ma anche in numerose altre regioni Italiane. Sono 16 quelli accertati nel Lazio di cui due nella provincia di Latina: la banda il 4 e il 9 dicembre del 2017 ha agito rispettivamente ad Aprilia e Formia. Nel Lazio la banda è entrata in azione due volte anche in provincia di Viterbo, una nel frusinate e 11 a Roma. Gli altri furti anche a Firenze, Napoli, Bologna, Macerata, Caserta, Salerno, Benevento, Avellino, Perugia, Terni, Catania, Chieti, Pescara, Grosseto e Parma.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *