Carabinieri

Nella serata del 4 aprile ad Ardea, in provincia di Roma, i carabinieri hanno arrestato un 44enne romano, già detenuto ai domiciliari, perché intorno alle alle 22 ha buttato fuori di casa la convivente minacciando di uccidere la figlia di 2 mesi e il figlio di un anno. La donna, in preda al panico, ha chiamato le forze dell’ordine e sul posto sono intervenuti i carabinieri di Anzio e della stazione di Marina di Tor San Lorenzo. I militari, una volta arrivati, dalle finestre dell’abitazione hanno visto l’uomo con in braccio la figlia e un coltello da macellaio in mano. E’ iniziata una lunga trattativa, condotta in prima persona dal comandante della compagnia di Anzio mentre l’uomo, che era anche sotto effetto di alcol, ha lanciato dei coltelli contro i militari dell’Arma. Alla fine, il 44enne, intorno alle 23.30 si è consegnato ai  militari che lo hanno arrestato con le accuse di sequestro di persona, minacce aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. I bambini sono stati visitati da personale del 118, sono poi stati riaffidati alla madre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui