Ponza

Si allargano i contagi da coronavirus in provincia e nel Lazio, che sonio legati in gran parte a rientri dalle vacanze all’estero ma anche in Italia, con una difficoltà sempre maggiore nel rintracciare i link epidemiologici e i contatti dei positivi. E’ ilcaso di Ponza,dove è puntata l’attenzione della Asl pontina che nelle ultime ore ha avviato accertamenti sanitari sul personale di alcune strutture alberghiere a causa della presenza di turisti risultati positivi o in contatto con persone contagiate.  Una delle situazioni monitorate riguarda il rientro in Umbria di quattro giovaniche avevano trascorso una vacanza sull’isola, due dei quali risultati contagiati al loro ritorno. Un altro caso è relativo invece a tre ragazze romane che hanno avuto contatti con uno dei positivi legato al cluster della festa in Sardegna. La Asl ha avviato i necessari accertamenti, con tamponi effettuati al personale dell’hotel e dei locali frequentati dai due gruppi di turisti. Una verifica avviata dal dipartimento di prevenzione della Asl per monitorare la situazione e prevenire potenziali focolai che sull’isola pontina, particolarmente affollata in questo periodo, potrebbero rappresentare un serio pericolo. Una situazione analoga si era già verificata anche perVentotene, dove sono stati eseguiti nei giorni scorsi sei tamponi per una coppia di Napoli che era stata in vacanza e che ha scoperto di aver avuto contatti con un positivo.  Altri casi riguardano San Felice Circeo, altra nota località pontina presa d’assalto dai turisti. Nei giorni scorsi una ragazza di Roma di 20 anni è risultata contagiata. La giovane aveva trascorso una vacanza in Sardegna, frequentando noti locali della movida, poi è rientrata nella Capitale e da lì si è trasferita al Circeo, dove ha scoperto che alcuni amici che erano stati in vacanza con lei erano risultati positivi al tampone. Si è sottoposta anche lei dunque al test scoprendo di essere stata contagiata ed è stata trasferita allo Spallanzani di Roma. E’ in qualche modo legato al Circeo anche il caso di una donna di 87 anni residente fuori provincia, che ha scoperto di essere positiva al covid al suo rientro. Quest’ultimo era uno dei casi riportati nel bollettino dell’Asl del 19 agosto  ma relativi a pazienti presi in carico da altre Asl.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui