Giò Volley Priverno – Sud Pontino Pallavolo: conversazione con l’allenatrice Nunzia Mitrano

Dopo una avvincente gara giocata alla grande da tutte e due le squadre, ecco il commento dell’allenatrice della Sud Pontino Nunzia Mitrano

All’inizio della partita avevo detto alle ragazze di vedere sei leonesse in campo ed ho visto effettivamente queste ragazze battersi come leonesse. Una su tutte Martina che ha rischiato di non giocare la partita.

“Veramente fantastiche, oggi siamo state in sei per causa di forza maggiore, tempi, tempo avverso, malori, tutto quello che c’era, ma non ci ferma nessuno. Sei, sei leonesse veramente in mezzo al campo, ognuno ha gestito il suo, ognuno ha fatto il suo, abbiamo giocato senza libero, quindi persone che normalmente non ricevono, non difendono, hanno fatto veramente tutto. Qualche piccola, piccola pecca in battuta da persone inaspettate, però non fa niente, va bene così, dobbiamo solo continuare a credere sopratutto una grande prova di carattere perché in un punteggio che era di 23 a 18 recuperare e poi perdere 26 a24 …”

Un set interminabile ….

“Non è stata cosa da poco, veramente non gli posso dire niente altro. Bravissime, dobbiamo solo continuare a crescere e diventare una grande squadra oltre che nella tecnica, nel cuore.”

Giovedì c’è il derby con il Gaeta Under 16, se giocano così alla grande le ragazze non le fermano

Io dico sempre la solita frase, sarò stancante e ripetitiva, la palla è rotonda, nessuna squadra è da sottovalutare nel nostro girone Se giochiamo bene vinciamo, se giochiamo male la squadra perde. e inutile a dirsi, possiamo esser anche più forti degli avversarti, se giochiamo male noi facciamo gli errori e loro fanno i punti pesanti grazie a noi. Quindi è questo lo spirito, noi non dobbiamo sottovalutare nessuno, che dal primo all’ultimo, io dico sempre un esempio: se noi mettiamo sei birilli in campo e voi sbagliate le battute, i birilli vincono. Questo è un esempio che faccio sempre con i piccolini, è la stessa cosa vale per noi. dobbiamo giocare di squadra, giocare con il cuore, giocare per vincere, sempre. Poi ci sono gli avversari che vogliono fare la stessa cosa, ovviamente. Oggi è stata una partita ad armi pari.”

Bella partita, bella veramente da vedersi

“Finalmente sono riuscita a vedere una volta ancora una super Parrotta in attacco, in gioco, anche Rosanna Grossi finalmente l’ho vista giocare come non mai, forse la prima partita dell’Under 18 l’ho vista giocare così, dopo di che out, adesso e di nuovo la Rosanna che conosco io, e poi per il resto tutte ci hanno messo l’anima. Quindi niente da dire., veramente sono uscita soddisfatta, la partita è stata vinta, i tre punti non ci sono ma si è vinta. Ho visto anche una grande sportività da parte degli avversari, c’è stato un rispetto reciproco veramente da fare un’ applauso grandioso all’allenatore e alle ragazze che, nonostante gli errori arbitrali, sono state capaci di dire no, abbiamo sbagliato e quindi il punto della squadra.”

 E quello lo spirito dello sport, al di là del gioco e di qualsiasi altra disciplina.

Infatti mi dispiace che una palla che io ho detto che era nettamente dentro, lui non mi ha neanche ascoltata l’arbitro. Ha dato contesa, meno male che ha dato contesa e non il punto, altrimenti ci sarei rimasta male.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *