Francesco Francois Franzese: un artista a 360

Francesco Franzese è un Agente di Moda, ma nello stesso tempo è anche Presentatore di Eventi, Speaker Radiofonico, Conduttore TV e Show man, la sua versatilità lo ha portato a cimentarsi anche come attore di teatro e cinema. E’ nato a Crispano (Na) il 9 giugno 1974 e dal dal 2010 iniziò ad apparire in trasmissioni di tv locali, inizialmente come critico musicale, da lì a poco la sua carriera ebbe una svolta nelle vesti di ideatore e presentatore di talk show e programmi musicali, inoltre collaborò con vari musicisti ed arrangiatori, iniziando a comporre i testi di numerosi canzoni per cantanti napoletani e di altre regioni, col nome d’arte di Francois. Lo si può considerare uno degli autori attualmente più noti nell’ambito della canzone partenopea e la sua principale dedizione per la poesia gli ha fruttato diversi riconoscimenti nazionali e internazionali. Lo abbiamo incontrato in occasione del festival canoro “Emozioni live” in un hotel di Sanremo ed è sorta una interessante conversazione.
Francesco ci puoi raccontare i tuoi inizi in campo artistico?
Io come ben sai sono nato in TV come presentatore, scrivere è sempre stata la mia passione che ho sviluppato sin da piccolo, poi ho inteso perfezionare il mio interesse a livello professionale come scrittore, il mio ultimo romanzo , “il segreto del tesoro di famiglia” è stato stampato dal gruppo dell’Espresso ed è venduto in tutti i negozi Feltrinelli d’Italia. Con questo libro sono riuscito a vincere due concorsi internazionali, pertanto vista la mia soddisfazione, perseguirò con il mio lavoro di scrittore, a questo, ho abbinato la mia primaria attività di paroliere, scrivo musica, ma principalmente scrivo i testi. Nel mio percorso artistico ho inteso aprire anche un’agenzia di moda e modelle, a Castel Volturno ma la sede dell’agenzia l’ho trasportata a Caserta in un ufficio molto più comodo dove fisso gli appuntamenti più importanti.
In che cosa consiste le tua attività di Agente di moda?
Come Agente di moda faccio sfilate di un certo livello, stiamo partecipando al “Barolo fashion show”, in una location da favola, Barolo è una località che è ormai considerata “Patrimonio dell’Unesco” e nel mese di giugno in quella località si riesce ad abbinare moda, arte e musica, per cui oltre alla degustazione del Barolo ed ai grandi vini delle Langhe, si hanno momenti di sfilate con bellissime modelle vestite da stilisti importanti. In quella circostanza ho avuto l’onore di portare la mia modella di punta, ed è stata molto apprezzata al punto che me l’ hanno richiesta anche per altri eventi futuri.
In futuro quali sono i tuoi prossimi progetti?
Prossimamente abbiamo in programma di fare altri importanti momenti di moda, “il Napoli International fashion “ presso il circolo nautico di Posillipo, subito dopo abbiamo il Roma International fashion presso l’Hotel Boscolo a Roma il 13 gennaio, mentre l’8 e 9 febbraio saremmo nuovamente qui a Sanremo per fare un’altra sfilata di moda, quindi avremo tre importanti manifestazioni di moda nei prossimi tre mesi.
Hai un sogno nel cassetto?
Io sono uno che ha lavorato sempre da solo, ma mi piacerebbe incontrare persone sognatori come me per creare dei progetti sempre più grandi, adesso stiamo allestendo un progetto per Napoli, ma questo in seguito può valere per qualsiasi località italiana, in un momento di crisi generale in cui ci sono poche idee per la televisione e il mondo dello spettacolo, con un appiattimento totale di valori e di idee, il mio sogno sarebbe di lavorare con altre tre quattro persone per realizzare veramente un grande progetto.
Hai un’attività che prediligi rispetto alle altre?
Sinceramente io tutto ciò che faccio lo faccio con passione, per me ogni cosa ha lo stesso valore, vedere una ragazza che conosco da piccolina, che nell’arco di due anni riesce a fare sfilate a grandi livelli per poi vedere la sua grande contentezza, è una grande soddisfazione personale.
Nel campo musicale, sei sempre attivo vedo
Adesso ho scritto una canzone che mi ha richiesto Antonio Bonomo uno dei grandi della canzone napoletana e anche per me questo è un grande risultato, Napoli ha partorito da sempre i più grandi artisti nel capo artistico, per chi vive a Napoli, è come vivere in un teatro, se ripenso a casa mia, era come fare una commedia tutti i giorni. Inoltre sai che sono anche responsabile campano per il concorso Emozioni live” in onore a Lucio Battisti, ed ecco il motivo per il quale mi trovo qui a Sanremo, dove ho portato oltre a dei ragazzi campani alla selezione, anche dei ragazzi di Cerignola.
A cosa ti ispiri per essere sempre così attivo?
Nella vita tutto ciò che faccio è sempre un punto di partenza, non mi soffermo mai a guardare una volta che ho completato un ciclo, che siano sfilate, canzoni o appuntamenti televisivi, così guardo oltre, per cercare di migliorarmi e fare cose nuove. Penso che la vita stessa è un arcobaleno con diversi colori chiari e scuri e i momenti belli e brutti nella vita li abbiamo tutti, io penso che il motore della vita è sognare e visto che tutte queste cose mi permettono di sognare, mi va bene tutto. Il motto della mia agenzia che ricordo spesso è “ragazzi ricordatevi che chi si ferma è perduto” lo diceva spesso Totò e vale ancora oggi, vuol dire che una volta ottenuti grandi risultati, complimentiamoci per un minuto, ma pensiamo già al prossimo obiettivo. Grazie Francois
Rino R. Sortino

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *