Festeggiati i 100 anni di Adele Elena Palombo a Sermoneta e Bassiano

Festeggiamenti

C’è stata una festa speciale a Sermoneta per i 100 anni di Adele Elena Palombo, cittadina di Sermoneta dall’età di 16 anni, quando con la famiglia si è trasferita da Bassiano in zona Tufette a Sermoneta. A festeggiare questo traguardo così prestigioso, insieme alla famiglia e agli amici c’erano anche le Amministrazioni dei due comuni: Adele ha indossato contemporaneamente le due fasce da sindaco, posando nella foto con i primi cittadini delle sue due città, Giuseppina Giovannoli e Domenico Guidi, insieme al comitato di borgata Tufette col presidente Giovanni Bragagnolo, al parroco Don Giovanni e a tanti che non sono voluti mancare per festeggiare questo compleanno. Quella di Adele Elena Palombo è una vita che ha attraversato le vicende tristi e felici di un secolo di storia, dalla bonifica pontina alla seconda guerra mondiale, la ricostruzione, gli anni del boom economico, l’industrializzazione e l’avvento di internet. Ancora lucidissima e autonoma, “zia Elena”, come la conoscono tutti,  ha apprezzato la festa organizzatale dai figli, nipoti e pronipoti, e la targa che l’amministrazione comunale di Sermoneta ha voluto donarle, che recita: “Il bagaglio di saggezza raccolto in questi 100 anni sia la memoria più preziosa per tutta la comunità”. Il Comune di Bassiano ha invece donato una targa e copia dell’estratto di nascita, datato 28 ottobre 1919. Ha spiegato il sindaco Giuseppina Giovannoli:  “Quella della signora Adele è unastoria di sacrifici e di lavoro, ho avuto il piacere di ascoltare dalla sua voce i ricordi di una vita, le gioie ma anche i dolori  e ringrazio la famiglia per aver invitato l’amministrazione comunale a partecipare alla sua festa, perché Adele rappresenta la nonna di tutta la comunità di Sermoneta e porta con sé un secolo di storia di vita vissuta. Adele ha vissuto tempi in cui il ruolo femminile era ben diverso, come madre, moglie e donna. Adele rappresenta una memoria storica da cui le nuove generazioni hanno tanto da imparare”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *