Fermate 4 persone con l’accusa di aver rapinato e ucciso un camionista polacco

Arrestati

Gli agenti della Squadra Mobile di Latina, a conclusione di un’articolata attività di indagine scaturita dalla rapina occorsa nella notte dell’11.06.2015 ai danni dell’autotrasportatore SKRZYNIARZ Rafal Sebastian, nato in Polonia il 01/06/1989, deceduto il 07.05.2016 in seguito alle gravissime lesioni riportate nel corso dell’accaduto , hanno eseguito quattro misure cautelari in ordine ai reati di rapina aggravata, sequestro di persona ed omicidio, nei confronti dei sottonotati pregiudicati : A. M., nato a Napoli (custodia cautelare in carcere); G. A., nato a Napoli (custodia cautelare in carcere); M. V., nato a Napoli i (custodia cautelare in carcere); Z. L., nato a Napoli (arresti domiciliari). Le indagini, avviate dalla Mobile sin dall’immediatezza dei fatti, permettevano di stabilire, anche con l’ausilio di immagini dei sistemi di videosorveglianza, che l’autotrasportatore SKRZYNIARZ Rafal Sebastian quella notte veniva aggredito da un commando composto da almeno 5 malviventi, mentre si trovava a dormire all’interno della cabina dell’autoarticolato da lui condotto, nel parcheggio esterno della ditta “EUROTIRE Srl”, presso la quale doveva consegnare 1600 pneumatici nuovi. Poco dopo, tre malviventi si allontanavano a bordo di un’utilitaria di colore scuro, seguiti a breve distanza dall’autoarticolato carico di pneumatici, a bordo del quale erano rimasti due complici che avevano preso in ostaggio il conducente polacco. Quest’ultimo, a seguito di segnalazione pervenuta alla locale sala operativa da un’automobilista in transito, veniva rinvenuto esanime dagli agenti della Squadra Volante sul ciglio della strada all’altezza del Km. 63,760 della Via Appia, con il volto ricoperto di sangue. Il personale sanitario del 118 intervenuto sul posto provvedeva a trasportare il ferito presso il locale nosocomio, ove veniva ricoverato in stato di coma presso il reparto terapia intensiva. L’autoarticolato, ancora carico di pneumatici, veniva poco dopo rinvenuto in stato di abbandono con le portiere aperte, all’incrocio semaforico posto al Km. 65.300 della via Appia. Nel corso dell’accurato sopralluogo eseguito congiuntamente al personale del locale Gabinetto di Polizia Scientifica, venivano rinvenuti lungo il tragitto alcuni reperti ritenuti di interesse per le indagini, verosimilmente appena abbandonati poiché privi di residui polverosi, pertanto opportunamente repertati e sottoposti a sequestro. Ulteriori accertamenti di natura scientifica venivano effettuati sia all’esterno che nell’abitacolo della cabina dell’autoarticolato. Nell’ambito degli approfondimenti investigativi veniva avviata un’articolata e complessa attività di analisi di tutte le tracce elettroniche della zona, al fine di risalire agli autori del reato. Nel frattempo il malcapitato SKRZYNIARZ Rafal Sebastian rimaneva ricoverato in stato comatoso presso strutture ospedaliere italiane e poi trasferito in Polonia, ove decedeva il 07.05.2016. Gli ulteriori accertamenti derivanti dallo screening portavano all’individuazione di un nutrito gruppo di pregiudicati, tutti provenienti dal quartiere “Barra” di Napoli, tuttora operante nell’intero territorio nazionale, specializzati nella commissione di rapine e/o furti in danno di autotrasportatori stranieri. Le analisi comparative eseguite tra i profili genetici tipizzati dalle tracce biologiche repertate dalla Polizia Scientifica sulla cabina dell’autoarticolato e dalle tracce biologiche presenti sugli indumenti sequestrati, con quelli riconducibili ai pregiudicati partenopei attenzionati, consentiva di ricondurli agli odierni arrestati. Tali importantissime risultanze scientifiche, corroborate dagli esiti dell’analisi delle citate tracce elettroniche e ulteriori elementi emersi nel corso delle indagini, hanno fatto emergere inequivocabili elementi di reità a carico dei fermati in ordine alla rapina, sequestro di persona ed al conseguente omicidio in danno di SKRZYNIARZ Rafal Sebastian, determinando il competente Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari a concordare con la tesi investigativa e ad emettere, di conseguenza, le quattro misure restrittive.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *