Carabinieri

E’ stata una notizia di quelle che crea inevitabilmente un certo allarme tra la popolazione: la fuga dei migranti arrivati a Latina e trasferiti a Cori, con tanto di ferimento di un appartenente alle forze dell’ordine. Ma era una fake, una notizia appresa e riportata male da due esponenti pontini della Lega: Francesco Zicchieri , coordinatore regionale del partito e deputato, e Angelo Tripodi, capogruppo in Consiglio regionale.  La realtà è invece tutt’altra. Come verificato da fonti delle forze dell’ordine nessuno dei 55 migranti ospitati all’ex Rossi Sud è ancora stato trasferito nella struttura di Coriindividuata dalla Prefettura, proprio perché 12 componenti del gruppo, 11 dei quali sono minorenni, che sono stati trovati positivi al tampone e la notizia, arrivata nella tarda serata del 29 luglio, ha costretto le istituzioni a rimodulare completamente i piani.  A creare disordini è stato un solo migrante che era già ospitato nella struttura di Cori da molto tempo e che, insieme ad altri, avrebbe dovuto essere trasferito in un’altra sede proprio per fare posto ai nuovi arrivati che dovevano osservare un periodo di quarantena. Niente a che vedere con un tentativo di fuga dunque, ma solo con una ribellione di un cittadino straniero che non voleva lasciare il centro di accoglienza di Cori. La situazione è stata tra l’altro gestita dai carabinieri della stazione locale, che hanno cercato subito di contenere le intemperanze del giovane che, nel tentativo di divincolarsi, ha morso uno dei militari. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui