Esercitazione

Nei giorni tra il 7 e l’11 giugno l’Eni effettuerà un’importante esercitazione nell’area prossima al canale Canneto, nel comune di Terracina per testare le procedure di sicurezza e l’efficacia delle misure preposte alla minimizzazione dei rischi ambientali. Verrà simulata una perdita dall’oleodotto Gaeta -Pomezia, in un’area prossima ad abitazioni e a via Flacca. Saranno coinvolti, oltre alle squadre di Eni e di imprese esterne, anche gli enti del territorio, tecnici comunali, vigili del fuoco e forze dell’ordine. L’oleodotto Gaeta Pomezia è dotato di impianto di allarme vibroacustico, installato da Eni al fine di contenere il fenomeno delle effrazioni dolose e i conseguenti danni ambientali e rischi alla popolazione. Ha affermato la stessa Eni: “L’esercitazione in programma serve proprio ad assicurare la tempestività negli interventi di tutti i soggetti preposti e rientra nei normali piani di addestramento del personale e degli operatori delle ditte esterne per far fronte in modo ottimale anche a eventi con probabilità di accadimento molto bassa, al fine di testare il Dispositivo Emergenza Oleodotti e le comunicazioni con gli enti esterni”. All’esercitazione parteciperanno come osservatori i rappresentanti di prefettura, vigili del fuoco, Arpat e Asl con l’obiettivo di verificare in maniera diretta le modalità e i tempi di risposta, le procedure, le attrezzature di pronto intervento e i mezzi di protezione individuale, per sensibilizzare e proseguire l’addestramento del personale riguardo ai comportamenti da osservare nei casi di emergenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui