Enrico Forte accoglie con soddisfazione la lettera del clero della città di latina

Piazza del Popolo a Latina
Piazza del Popolo a Latina

Enrico Forte, una volta letta la lettera che il clero della città di Latina ha scritto a tutti i candidati esortandoli a mettersi a disposizione della città e non piegarsi alle logiche del poter che hanno portato alla caduta anticipata dell’amministrazione, ecco che lo stesso candidato del Pd scrive una nota esprimendo il suo consenso positivo a questa iniziativa: “ Accolgo con gratitudine la lettera aperta che i parroci e i viceparroci della Forania di Latina hanno indirizzato ai candidati alle prossime elezioni amministrative. Sono grato perché ritengo che la Chiesa sia un interlocutore ineludibile per la politica la quale, in nome di una sana laicità, non può, pregiudizialmente, escludere dal dialogo civico e civile quanti operano in favore dell’Uomo e della Città.
Nella nota si richiamano tre disposizioni interiori, tre «passioni», quali caratteristiche richieste ai prossimi amministratori di Latina: una grande passione per la città; una grande passione per la legalità; una grande passione per l’impegno comune per le cause comuni.
Ne aggiungo una quarta che, a mio parere, ingloba le altre: una grande passione politica, «arte nobile e difficile», e non «per» la politica.
La passione politica ha accompagnato la mia vita fin dall’adolescenza. Essa è, per me, una disposizione interiore, direi innata: è il divieto all’indifferenza, al ripiegamento nel privato.
La passione politica mi vieta di essere indifferente alla vita della città nella quale abito e mi impone di condividere il carico delle storie di quanti abitano accanto a me.
La passione politica mi spinge a trasformare la disposizione interiore in impegno attivo, in atti concreti:

1.Perché la Città sia di tutti e di ciascuno: infatti  il mio progetto è quello di lavorare sulla coesione sociale, sulle pari opportunità.

2.Perché in essa la legalità e la trasparenza siano il linguaggio comune, condiviso da amministratori e cittadini: il patto  della Trasparenza con la città l’ho già siglato, sarà l’asse portante della prossima amministrazione comunale. Voglio un municipio trasparente, a partire dall’agenda del sindaco, che sarà resa pubblica. Come pubblici saranno tutti gli atti e le spese.

3.Perché in essa le differenze non siano motivo di divisione: solo una reale convivialità delle differenze è capace di divenire forza comune che sa coagularsi intorno a quei valori condivisi che consentono ad ogni uomo e ad ogni donna di condurre una esistenza degna.  Creare momenti di incontro, favorire nuovi spazi di aggregazione  – sfruttando i tanti luoghi della città e dei borghi male utilizzati – sarà compito del prossimo sindaco.

Raccolgo e ricambio volentieri l’augurio di buon lavoro con il quale si conclude la missiva e raccolgo altrettanto volentieri l’invito al dialogo, con l’auspicio che questo diventi lo stile ordinario e condiviso di tutti coloro che non hanno timore a sporcarsi le mani con la Storia.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *