Palazzo Caetani

E’ partito il cantiere per i lavori di manutenzione straordinaria del Palazzo Caetani al centro storico di Fondi. E’ un intervento di manutenzione che coinvolge un bene di alto pregio storico e artistico di proprietà della Regione Lazio, che ne ha curato il recupero e il restauro rendendolo fruibile a cittadini e turisti, agli enti, al mondo della scuola e a quello dell’associazionismo. Il complesso monumentale è stato acquistato, a partire dal 2001, dalla Regione Lazio che ne ha poi affidato la gestione, dal giugno 2010, all’Ente regionale Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi. Ha spiegato il direttore dell’Ente Lucio De Filippis: “I lavori in corso riguardano il rifacimento della parte di tetto che è a copertura dell’angolo nord-ovest dell’edificio, che affaccia su corso Appio Claudio e piazza Duomo, e si sono resi necessari in seguito ai cedimenti della capriata e alla conseguente infiltrazione delle acque meteoriche”. La Regione Lazio, quale stazione appaltante, su sollecitazione del Parco e del Comune di Fondi, ha dato inizio all’intervento di manutenzione che, nel giro di alcuni mesi, potrà garantire la migliore conservazione del Palazzo. Per quanto riguarda la sua storia, il palazzo viene alla ribalta europea sotto il conte Onorato I Caetani, il quale ospita, prima ad Anagni e poi a Fondi, i cardinali contrari a papa Urbano VI che in conclave nel 1378 eleggeranno un nuovo papa, Roberto da Ginevra, che assunse il nome di Clemente VII, dando inizio alla scisma d’Occidente; per circa otto mesi l’antipapa e la sua corte troveranno nel palazzo del conte un buon asilo, accogliente e sicuro, facendolo fungere di fatto quale palatium papale, dell’antipapa. Il periodo di massimo splendore coincide con quello della signoria del conte Onorato II Caetani, il quale lo rinnovò, facendo realizzare opere e interventi che ancora oggi lo caratterizzano. Aaltro periodo di fioritura e importanza per il palazzo è senz’altro quello in cui la contessa Giulia Gonzaga ne fece la sua dimora insieme alla figliastra Isabella Colonna e al nipote Vespasiano Gonzaga Colonna, che proprio a Fondi nacque nel 1531. Ha dichiarato il presidente dell’Ente Parco Bruno Marucc: “Prosegue da parte della Regione Lazio  l’attenzione e l’impegno nella salvaguardia e valorizzazione del patrimonio di beni storici, archeologici, artistici e culturali, di cui è ricca la nostra regione, rendendola davvero meravigliosa. Questo nuovo intervento per Palazzo Caetani a Fondi, ne è concreta testimonianza”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui