Il dramma di Alvaro Vitali: “I soldi sono finiti”

Vitali

Un personaggio del cinema ormai quasi dimenticato ma che negli anni Settanta era uno di quei simboli del cinema trash all’italiana  che con linguaggio scurrile e con seni quasi al vento era diventato una icona di quegli anni. Stiamo parlando di Alvaro Vitali, che è conosciuto per aver interpretato al cinema il ruolo di Pierino, la piccola peste che quando vedeva una bella donna si innalzava da terra. Oggi Alvaro Vitali, a 67 anni,  non se la passa benissimo. L’attore romano, che non riesce più a rientrare nel mondo dello spettacolo, lo ha raccontato a Libero: “Forse per il cinema sono morto davvero Non mi chiamano più e non mi spiego il perché. Vedo poi tante fiction in cui potrei recitare… Ho scritto anche una nuova sceneggiatura, la mostro ai produttori, pare piacere, poi spariscono. Non so, c’è un blocco, non capisco”.
Ed economicamente Vitali non può vivere di rendita: “Non sono ricco come si potrebbe pensare. Sto bene, ma i soldi sono finiti. Mi davano uno stipendio per girare 5 o 6 film all’anno. La paga era buona ma era quella, fine. Ci sono anni poi in cui non lavori. Non è tutto semplice”.
I suoi fan però non si sono dimenticati di lui e oggi lo invitano ancora a cerimonie, cresime e matrimoni. “Come regalo vogliono Pierino. A volte devo solo stare seduto al tavolo, mi guardano, alcuni si avvicinano, mi toccano. Io dico: ‘Ehi, sono vero, non un cartone animato”.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *