Donna stuprata dal branco davanti al fidanzato: “Per favore aiutateci a tornare a casa”. Poi la violenza su un trans

Polizia

Notte di “marocchinate” a Rimini, dove si sta svolgndo il Meeting e dove la notizia ha lasciato sgomento e stupore, visto l’interesse di questo simposio rivolto all’amicizia dei popoli. Ma questi quattro nordafricani non erano sicuramente amici, in preda ai fumi di droga ed alcool, che hanno lasciato una scia di terrore nelle persone che gli sono capitati a tiro. Prima hanno usato violenza nei confronti di una coppia di polacchi, colpevoli di voler fare una passeggiata romantica sulla spiaggia, ma di romantico per questi due non c’è stato niente. Il ragazzo picchiato selvaggiamente e lei violentata sessualmente a turno dai quattro. Dopo aver fatto questo, non paghi della violenza appena perpetuata, hanno incontrato nel corso del loro girovagare una trans peruviana facendo quello che avevano fatto prima a turno sulla giovane turista polacca, La Polizia ovviamente sta indagando sugli episodi che sembrano essere collegati. La ragazza vittima della violenza, intanto, è ancora ricoverata sotto choc presso l’ospedale “Infermi” di Rimini, dove sono in corso accertamenti medico-legali che potrebbero essere utili ai fini dell’indagine. Il suo fidanzato, ospite anch’egli del nosocomio riminese, è vigile e, con l’aiuto di un interprete, sta cercando di fornire indicazioni agli uomini della Polizia incaricati di far luce sull’accaduto. Al loro vaglio, oltre ai rilievi della Scientifica sulla spiaggia, anche i nastri delle telecamere di sorveglianza della zona che potrebbero aver filmato i quattro pregiudicati magrebini prima o dopo l’accaduto.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *