Elton John torna a far parlare di sé. E non per il suo mestiere, il cantante, ma per la sua missione: il compratore di bambini e il paladino dell’ideologia che supporta questi crimini. Queste le sue ultime dichiarazioni: “Elton John ha duramente attaccato sul suo profilo Instagram il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, dandogli del «bigotto» ed «estremamente sciocco». Sotto accusa la controversa decisione del primo cittadino che ha bandito dalle scuole i cosiddetti libri sui ‘gender’, in cui si parla di famiglie con genitori dello stesso sesso.” [Fonte: ilmessaggero.it] Almeno due domande a sir Elton John: la prima, con quale diritto egli si permette di pontificare sulle decisione di un’autorità politica quale il sindaco di una città italiana? Parallelamente a questo c’è una domanda da fare a tutti coloro che applaudiranno gli sproloqui di Elton John: dove siete voi che fino a tre anni fa denunciavate le (presunte) ingerenze vaticane e oggi esaltate sia quelle che quelle di Elton John? Seconda domanda a Elton John e soci: ma non ci volevate far credere che la teoria del gender non esiste? E allora di cosa lamentarsi se un sindaco prende provvedimenti contro ciò che non esiste? Ci scusi Elton John, ma per alcuni di noi i bambini non sono sfizi da togliere. La differenza sta tutta qui: in chi considera la vita qualcosa di sacro e intoccabile e chi qualcosa da mercificare solo perché ha la possibilità economica per farlo. Una discriminazione bella e buona basata sulla ricchezza. Se la tenga stretta, non sappiamo cosa farcene.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui