Latina Biz – Servizi Notizie Eventi Informazioni Arcidiocesi di Gaeta,Chiesa Cattolica,Formia,Province Il discorso del sindaco Bartolomeo sugli 80 anni di Sant’Erasmo

Il discorso del sindaco Bartolomeo sugli 80 anni di Sant’Erasmo



Sandro Bartolomeo in Piazza sant’Erasmo

Ovviamente in una situazione dove c’è stata una ricorrenza molto importante come quella che la Congregazione dei Riti 80 anni fa aveva decretato Sant’Erasmo patrono di Formia, ecco che il sindaco Sandro Bartolomeo ha detto delle cose molto importanti riguardo questo avvenimento: ” Cari concittadini, caro arcivescovo, caro Don Alfredo, care tutte le persone che questa sera sono qui per onorare Sant’Erasmo, santo patrono della città, in occasione dell’80° anniversario della sua proclamazione a patrono di Formia. Mi viene da dire che al di là delle date ufficiali che hanno certamente un grande valore, Sant’Erasmo è patrono di questa città dal 303 d.C., da quando arrivando dal Medio Oriente, arriva a Formia accolto dal vescovo Probo e li muore per effetto delle persecuzioni dell’imperatore Massimiano. Io credo che nel momento in cui Sant’Erasmo diventa patrono di questo territorio e forse non solo della città di Formia e non a caso Sant’Erasmo diventa poi patrono  dell’intera diocesi di Gaeta, sia proprio il suo arrivo. Quest’anno il Comitato ha inteso produrre e voglio ringraziarli per questo e complimentarmi con loro un bel libretto celebrativo di questi 80 anni. Chi non l’avesse letto vi prego di leggerlo perché racconta molto bene in modo molto documentato questa storia ivi compresa l’elenco dei primi vescovi in questa diocesi che discendono dal vescovo Probo e quindi da Erasmo che sono vescovi della diocesi di Formia, diocesi che poi per una serie di circostanze storiche note dalla gran parte dei presenti, ha subito trasformazioni, spostamenti, nuove intitolazioni e tutto questo fa parte della storia che è storia del nostro territorio, però ci tengo a sottolineare come questo santo sia un santo pienamente formiano: gli ultimi scavi archeologici, ne parlavo prima con il nostro arcivescovo, che sono emersi dai lavori sulla ex colonia Di Donato, stanno facendo emergere una realtà di grande interesse e c’è un percorso che dalla Chiesa intitolata ad Erasmo, attraverso la ex colonia Di Donato, arriva alla tomba del santo. Ci sono delle meravigliose scale in pietra, ci sono tutti gli elementi per dire che già nei secoli successivi dalla morte di Erasmo ci fosse un culto per questo santo ed in particolare un culto e la venerazione in particolare della tomba dove era custodito Sant’Erasmo. Speriamo che prima o poi si possono portare alla luce, si possono render visibili, e si passa sopratutto regalare alla città che ha già riscoperto tante sue bellezze archeologiche, anche quest’altro piccolo gioiello che sicuramente tiene insieme la storia della città ma anche la storia della sua religiosità che ha una antichissima origine ed è per questo che ci è molto caro Erasmo perché lo avvertiamo come un santo nostro, come un santo che è arrivato a Formia allora che splendeva per i suoi fasti romani. Qui ha trovato la morte, ma insieme alla morte credo che abbia anche insegnato una nuova grane spiritualità in questi luoghi e come sempre accade, questi episodi nascono con direzioni di vita anche molto migliori per tutti. Grazie Sant’Erasmo e grazie a tutti voi di essere qui.”

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *