Il discorso di Calandrini al teatro Moderno di Latina nell’occasione della presentazione delle sue liste

Nicola Calandrini
Nicola Calandrini
Nicola Calandrini
Nicola Calandrini

Dopo l’introduzione doverosa per quanto riguarda il discorso di presentazione delle sue liste, Calandrini ha continuato il suo discorso della campagna elettorale che è iniziata a Latina: “Siamo i primi in una competizione elettorale che per noi fino a qualche tempo fa era praticamente impossibile. oggi racconteremo le storie di 96 persone che saliranno sul palco e racconteranno quello che rappresentano in questa città. Siamo un gruppo, siamo una comunità vera, siamo tutte persone che vogliono fare bene in questa città e vogliono vivere in una città che la sentiamo nostra, una città di tutti quanti noi, in qualche modo amiamo. Abbiamo delle idee in questa campagna elettorale, e inizieremo a dire da stasera che abbiamo presentato un programma, i candidati hanno già un programma elettorale che abbiamo presentato e noi siamo convinti di chi siamo stasera e saremo la novità di questa campagna elettorale. Io vi dico subito che in questa città parleremo in modo chiaro e diretto ai nostri concittadini, non vi sono grandi cose da promettere, non abbiamo già detto che prometteremo una grande cosa: l’impegno di un sindaco e di una amministrazione che saranno impegnate 15 ore al giorno dentro la macchina comunale, dentro al palazzo comunale a dare soluzione ai tanti problemi che attanagliano questa nostra città, perché questa nostra città è commissariata da quasi un anno, il mese prossimo sarà un anno che è commissariata ed è commissariata perché c’è stato in questa città per la seconda volta un patto scellerato tra due forze politiche, Forza Italia e il Partito democratico, che hanno deciso di ridurre la città in queste condizioni, dove oggi qualcosa mi faceva notare che Piazza del Popolo con la fontana che abbiamo di fronte al palazzo Comunale abbiamo la melma, una città spenta, un’acqua putrida ed è la foto della nostra città. In questo momento dobbiamo ringraziare queste forze politiche che grazie ai giochi di palazzo sono andate per la seconda volta a casa il nostro sindaco della città, quindi un applauso a questi grandi fenomeno che hanno deciso di fare questa scelta. Quindi in questa città noi partiremo da subito noi daremo da subito un segnale chiaro cercando di far tornare ad essere la città di Latina, un città normale e quindi la normalizzeremo rispetto a quattro interventi che saranno di immediata attenzione e lo faremo attraverso il nostro bilancio comunale. Poi in questo dovremo essere chiari, dobbiamo dire le cose che faremo, perché la sostenibilità c’è nell’aspetto finanziario e dovremo dire le cose che non faremo, perché non ci sono le condizioni finanziarie. Poi li porterà una grande sfida per quello che riguarda il rilancio della città. E lo faremo da subito perché faremo un piano di riqualificazione stradale, immediatamente ci dovremo attivare per rimettere a posto le nostre strade perché sono strade dissestate e non c’è sicurezza sulle nostre strade, questo è il primo intervento che attraverso il bilancio comunale metterò in piedi insieme alla mia maggioranza. Il secondo intervento l’arredo urbano; dobbiamo dare dignità a questa città, se oggi usciamo e andiamo nei parchi, nelle scuole, i nostri giardini, i borghi e le strade, abbiamo l’erba alta un metro e mezzo, non è sostenibile che una città che rimane una città sciatta, e noi questo non lo possiamo permettere, quindi un intervento che partirà immediatamente, anche questo sostenuto dal bilancio comunale e che taglieremo l’erba in questa città e faremo tornare questa città una città normale. Questo  è un altro intervento che metteremo in campo subito così come faremo da subito la videosorveglianza in questa città, perché la città viene percepita come una città insicura, e quindi serve una implementazione della videosorveglianza, serve un maggior coinvolgimento dei vigili urbani, serve il vigile di quartiere e serve un sindaco che vada a casa del Prefetto a chiedere la collaborazione del Comitato Ordine Pubblico e per la Sicurezza per battere i pugni sul tavolo e chiedere maggiori forze dell’ordine per la nostra città perché noi abbiamo bisogno di maggior sicurezza. Io se sarò sindaco questo è uno dei primi atti che farò nella città di Latina, questi sono gli interventi di cui noi ci impegneremo. Sono convinto che se noi metteremo in campo interventi nei primi 3-6 mesi della nostra amministrazione, la città tornerà a sorridere perché da questi sondaggi emerge un ‘altra grande sorpresa, che la città di latina chiede un impegno forte a dare soluzione a questo tipo di problemi, e quindi io sarò certo che se noi risolveremo questi primi problemi, daremo maggiore serenità ai nostri concittadini, su questo mi impegnerò inizialmente nel mio mandato da sindaco della città di Latina.” un programma che sembra molto facile attuare, tanto che lui sostiene che tutto si possa fare con le casse del bilancio comunale, almeno quello che lui ha annunciato che farà nei primi 100 giorni di governo. Ci riuscirà se sarà eletto? lo diranno gli elettori.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *