Derby della Capitale: la Roma vola, Lazio ko

173655271-97a13a47-5f9f-461a-b2bb-2c6c5ea26ee1
L’esultanza di Gervinho e la delusione di Marchetti e Basta dopo l’azione del 2-0.

Il derby della Capitale andato in scena ieri pomeriggio alle 15,00 ha visto la Roma trionfare per 2-0 in uno Stadio Olimpico mezzo vuoto a causa dello sciopero delle curve: con questa vittoria i giallorossi (26 punti) tengono il passo dell’Inter capolista (27 punti), vittoriosa nell’anticipo delle 12,30 contro il Torino, mentre i biancocelesti rimangono noni a quota 18. La squadra di Garcia mostra per tutto l’incontro quella maturità e convinzione che sono totalmente mancate solo qualche giorno prima nella gara di Champions contro il Bayer Leverkusen, mentre la formazione schierata da Pioli conferma il momento negativo con la terza sconfitta consecutiva in campionato.

La Roma parte subito forte, subendo con Dzeko il fallo da rigore realizzato dal bosniaco stesso (foto in copertina): Roma in vantaggio 1-0 al 10′ ed ex City che arriva a quota due gol in campionato, sbloccandosi dopo la rete realizzata alla Juve in avvio di stagione. Il fallo commesso da Gentiletti era però fuori dall’area, e l’arbitro Tagliavento si fa colpevolmente ingannare dalla caduta del bosniaco che avviene all’interno dell’area stessa: a nulla sono servite le proteste dei biancocelesti, che subiscono psicologicamente lo svantaggio e non riescono a reagire, se non con un tiro dalla distanza di Felipe Anderson che impatta con la traversa a Szczesny battuto. La Roma sale quindi in cattedra e sfiora il raddoppio con un destro dalla distanza di Nainggolan, che a fine primo tempo pareggio il conto dei legni. Al rientro dagli spogliatoi la Lazio parte bene ma si spegne rapidamente, e i giallorossi colpiscono in contropiede con Gervinho che chiude la partita al 63′ dopo una serpentina che sparge il panico fra gli avversari (foto in alto). Pioli tenta quindi il tutto per tutto facendo entrare anche Klose, ma il tedesco non ripaga la fiducia del tecnico cestinando l’occasione del possibile 2-1. I giallorossi abbassano i ritmi e non concedono più niente, portando a casa il successo e 3 punti importantissimi per restare ai piani alti della classifica.

A fine gara Pioli si è molto lamentato per il rigore ingiustamente fischiato a favore dei giallorossi, sostenendo che episodi del genere falsino le partite; Garcia ha quindi ribattuto che il fallo che è costato a Salah la sostituzione era sicuramente da rosso a causa della pericolosità dell’intervento, che ha visto l’egiziano avere la peggio su un durissimo scontro con Lulic, non nuovo ad entrate killer nei derby. L’egiziano è quindi uscito in barella, e si parla di un mese e mezzo di stop per lui: dovrebbe rientrare nell’ultimo incontro di Champions contro il Bate Borisov o, più probabilmente, verrà rischiato domenica 13 contro il Napoli, in una sfida di cruciale importanza per la conquista dello Scudetto.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *