Manifestazione

Dei cittadini hanno messo in campo un’occupazione del tutto pacifica nell’ambito della battaglia che da tempo stanno conducendo contro il degrado e la violenza nel loro quartiere. I residenti nella zona della chiesa di Santa Maria Goretti l’hanno soprannominata “contropanchina” che sta a significare che intendono riappropriarsi di quei giardini, dell’intera piazza e anche delle panchine che da tempo non possono più frequentare con tranquillità: più di una volta infatti la zona ha fatto da scenario a risse e episodi di cronaca che hanno richiesto un intervento delle forze dell’ordine, ultimo in ordine di tempo la lite finita a coltellate.E a partire da lunedì 7 settembre abitanti e titolari di alcune attività commerciali sono scesi nel giardino antistante la chiesa a passeggiare, chiacchierare, dimostrare che quello spazio appartiene a loro che peraltro si occupano anche di tagliare l’erba, potare le piante e tenere puliti i prati raccogliendo ogni genere di rifiuto lasciato da chi dorme sulle panchine e considera quello spazio come un servizio igienico. A raccogliere la loro istanza di maggiore sicurezza è stato il Questore MicheleSpina che ha incontrato un paio di volte una rappresentanza dei residenti e si è impegnato a tenere d’occhio la zona. Promessa mantenuta visto che nel tardo pomeriggio dell’8 settembre alcune pattuglie della polizia passano con una certa regolarità, una si ferma e rimane lì per un po’ e lo stesso accade con un’auto dei vigili urbani. Una presenza rassicurante in attesa che venga ripristinato il sistema delle telecamere di sorveglianza fuori uso da qualche anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui