Crisi idrica a Minturno, il Sindaco: “Stop al pagamento delle bollette”

Rubinetto

Che il sindaco Gerardo Stefanelli, un tempo consigliere del consiglio di amministrazione di Acqualatina, non sia a fianco della sua gente, non è vero, anche perché le proteste sono state molto forti in questi ultimi giorni. Infatti a Minturno e in tutte le sue frazioni l’acqua manca quasi ininterrottamente da dieci giorni ed è giusto che i suoi cittadini contribuenti vengano esonerati dal pagamento delle fatture e delle bollette relative al mese di agosto. Acqualatina, poi, rispetti tutte le condizioni e clausole contenute nel contratto di fornitura idrica e rimuova immediatamente tutti i disservizi esistenti sul territorio. E’ stato di  poche parole il sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli, del Partito Democratico, in una lapidaria lettera inviata alla segreteria dell’Ato 4 e alla presidente della Provincia di Latina, Eleonora Delle Penna, per denunciare come sia diventata insostenibile, soprattutto sotto il profilo igienico-sanitario, la situazione venutasi a creare per le continue e perduranti interruzioni del flusso idrico. I cittadini amministrati da lui  non ce la fanno più e Stefanelli, oltre a chiedere l’immediata ed urgente convocazione della conferenza dei sindaci dei comuni del sud-pontino per concertare il varo di un piano di interventi infrastrutturali sull’intero territorio, teme problemi di ordine pubblico e un colpo letale all’immagine turistica di Minturno che ha visto la sua popolazione in questi giorni quadruplicarsi. Il sindaco Stefanelli, che del consiglio di amministrazione di Acqualatina è stato a lungo componente, critica infine l’operato dell’ente gestore, accusato di non fornire adeguate giustificazioni circa le ripetute e improvvise sospensioni del servizio idrico. Da qui l’ipotesi, oltre ad una moratoria per il pagamento dell’ultima bolletta, di rivolgersi alle “opportune sedi giudiziarie, anche penali”, per tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini.

Ma ecco il testo integrale della lettera scritta dal sindaco Stefanelli indirizzata alla segreteria dell’ATO4 e per conoscenza della presidente della provincia di Latina Eleonora Della Penna avente come oggetto “carenza idrica – disservizi e lamentele dell’utenza, convocazione urgente della Conferenza dei sindaci” datata 18 agosto 2017

“Premesso che:

  • durante il periodo estivo, in ampie zone della città e per tutta la giornata, la fornitura pubblica idrica per uso umano ha subito una notevole riduzione ed, in talune località, la totale interruzione;
  • tale situazione sta provocando vive reazioni da parte della comunità, formata da residenti e da turisti in vacanza sul litorale di Scauri – Marina;
  • i social network e la stampa locale si stanno diffusamente occupando della questione, con vibranti proteste e numerose segnalazioni;
  • è mancato, fino ad oggi, un intervento chiarificatore da parte dell’ente gestore del servizio, Acqualatina S.p.A.;
  • le operazioni di erogazione dell’acqua vengono gestite direttamente da Acqualatina S.p.A., senza che vi sia una puntuale conoscenza dei criteri giustificativi di ripetute e improvvise sospensioni del servizio idrico in un comune a vocazione turistica, che registra in questo periodo circa 60 – 70 mila persone quotidiane;
  • oltre al danno diretto per il disagio provocato dall’interruzione dell’erogazione, va segnalato anche quello provocato agli elettrodomestici, sia per l’interruzione sia per la cattiva qualità dell’acqua al ripristino dell’erogazione;
  • ai cittadini non è stato garantito un servizio essenziale, soprattutto a coloro che appartengono a categorie protette (anziani, malati e bambini, portatori di handicap);

si chiede:

  • in relazione al potenziamento della rete idrica, di conoscere se e quali lavori siano stati effettuati nell’interesse degli utenti di Minturno;
  • se siano stati pianificati, per i prossimi mesi, interventi veramente risolutivi, onde evitare il ripetersi di fenomeni che creano disagi immediati alla popolazione, ledono soprattutto l’immagine turistica della città e compromettono le basi dell’economia locale;
  • di attivare la procedura di esonero dell’utenza di Minturno e dintorni dal pagamento delle bollette e fatture relative al mese di agosto 2017;
  • di intimare ad Acqualatina S.p.A il rispetto delle condizioni e delle clausole di servizio di fornitura idrica nonché la rimozione, senza indugio, dei disservizi denunciati;
  • di convocare con urgenza una riunione con i Sindaci del Sud Pontino per l’esame della grave situazione rappresentata e per la verifica del piano di interventi infrastrutturali, allo scopo di evitare in futuro il ripetersi di simili disservizi.

Il Comune di Minturno si riserva ogni azione nelle opportune sedi giudiziarie, anche penali, a tutela dei diritti e degli interessi della Cittadinanza. In attesa di un sollecito riscontro e tempestivo intervento, si porgono distinti saluti.”

 

 

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *