235713073-33155e46-4a30-4422-ac15-756aa077220aForse di certe notizie conviene tacere. Non per vergogna, anzi, ma per rispetto. Della serie “ti piace vincere facile?” Il problema è che sì, si tratta di un battaglia, impari nell’ordine delle idee e altrettanto impari nell’ordine dei poteri che le guidano, ma pur sempre una battaglia. Però è forse comunque opportuno parlarne, nonostante la miseria culturale, proprio per coloro che ancora credono nella bontà di determinate ideologie e nella fondatezza logica e razionale delle stesse. Questa volta la mannaia del politicamente corretto e dell’ideologia di genere (che qualcuno sostiene non esista) si abbatte miseramente sulla Formula 1 e sul pilota Lewis Hamilton. Questo quanto riporta Repubblica: “Dopo aver dominato il Gran Prix di Cina, Lewis Hamilton è finito al centro di una polemica per aver puntato la bottiglia di champagne contro una hostess sul podio e per averla bagnata senza il suo consenso. Rox Hardie dell’associazione “Object” contro il sessismo ha definito il gesto “irrispettoso” e ha invitato il pilota a porgere le scuse”. Non ci stupiamo della mediocrità di costoro, ma della capacità di inventare discriminazioni e il coraggio (questo gli va riconosciuto) di mettersi nel ridicolo. Come altro definire queste pretese di scuse? È opportuno ricordare che il festeggiamento con lo champagne è una consuetudine sui podi della Formula 1? È opportuno far presente che nessuno ha mai denunciato presunte discriminazioni quando le stesse bottiglie di champagne venivano puntate contro altri piloti, rei di essere uomini e quindi non tutelati da questi paladini delle discriminazioni? Non so se è opportuno, mi sembra tutto talmente evidente, ma forse è doveroso scrivere anche di certe idiozie perché se un giornale come La Repubblica ne dà notizia è altrettanto evidente che le cose non vanno come dovrebbero andare.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui