CONVERSAZIONE CON LA CONSIGLIERA REGIONALE GAIA PERNARELLA DEL MOVIMENTO 5 STELLE

La consigliera regionale del M5S Gaia Pernarella
La consigliera regionale del M5S Gaia Pernarella

Ho incontrato la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Gaia Pernarella e con lei abbiamo commentato gli ultimi fatti accaduti a Latina nell’ambito della operazione di polizia Don’t touch ( Non toccare), una situazione non molto bella, una situazione che ha visto il Questore di latina De Matteis essere stato attaccato per quanto è accaduto durante questi giorni convulsi dove risulterebbe indagato il deputato di Fratelli d’Italia Pasuqale Maietta, presidente del Latina Calcio. Il Movimento 5 Stelle ha chiesto le dimissioni di questo deputato, e la domanda posta al consigliere regionale è quella di continuare e chiedere queste dimissioni con forza oppure attendere le decisioni della magistratura.

La consigliera regionale ha detto che è stato “il meet-up di Latina e non il Movimento 5 Stelle a chiedere le dimissioni di Maietta a livello nazionale. Non è un questione contro il deputato Maietta ma noi chiediamo che non ci siano persone indagate all’interno delle istituzioni, quindi lui è in ottima compagnia perché in parlamento ci sono moltissimi indagati, noi gli  chiediamo di fare un passo indietro fino a che non abbia risolto la sua situazione davanti alla giustizia. Al momento c’è una inchiesta in atto e noi non vogliamo in alcun modo interferire con l’azione della magistratura, di cui abbiamo fiducia. Siamo felci dell’operazione che è stata fatta dal Questore di Latina, quindi speriamo che questa indagine porti ad arresti ulteriori, a sviluppi oltre a quelli che ci sono già stati, e ovviamente io come ho dichiarato sui giornali di Latina, penso che chi rappresenta una istituzione bisogna essere non solo incensurati, limpidi, e soprattutto bisogna esporsi davanti ai giudici come un normale cittadino e non con i privilegi di un deputato.”

L’altra domanda che ho fatto alla consigliera è stata che quando la trasmissione Monitor di Lazio TV, in occasione dei giorni susseguenti la morte di Mario Piccolino, aveva intravisto la possibilità di una situazione del genere, ossia che dovesse scoppiare la cosiddetta bomba giudiziaria, cosa che è avvenuta in questi giorni, e sono stati dei buoni profeti in patria, però la stampa è stata un po’ ferma e solo in questi giorni sta parlando., per cui l’informazione si dovrebbe svegliare dal torpore e cominciando a scrivere. La consigliera ha risposto che ”c’è lo auguriamo sempre. Io faccio parte del Movimento 5 Stelle e so benissimo che pubblicano il gossip politico e non pubblicano i nostri atti, le nostre battaglie, se la stampa comincia a diventare indipendente io sono più che felice”.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *