Conversazione con il candidato consigliere di Formia Bene Comune Giuseppe Bortone

Giuseppe Bortone

Ho avuto la possibilità di poter dialogare con un alto consigliere comunale, ossia il consigliere uscente Giuseppe Bortone che si è candidato a sostegno di Claudio Marciano  nella lista civica Formia Bene Comune.

 Tu appartieni ad una sinistra un po’ più estrema, ti sei messo in gioco ancora una volta per la candidatura a sindaco di Claudio Marciano. Vieni da una consiliatura sicuramente difficile, quella di Sandro Bartolomeo, criticato  per non  aver fatto molto, anche se qualche cosa l’ha fatta.

“ L’amministrazione Bartolomeo, l’ultima, ha sicuramente messo in campo tutta una serie di provvedimenti che devono soltanto essere portati a compimento, per cui c’è una base di lavoro solida, concreta, e anche ad una proposta della città, ora si tratterà di mettere mano a quegli strumenti programmatori pronti per esser adottati in Consiglio Comunale.”

Una campagna elettorale molto difficile, diceva Taglialatela a gennaio, che Formia doveva avere una pacificazione ma in realtà il populismo ha spopolato e soprattutto il populismo che viene da sinistra.

“Ma Formia ha bisogno di un progetto, di una visione, di una proposta, i candidati in campo ognuno cerca di dire la propria, ritengo che quella di Claudio sia una proposta e una visione seria e concreta, che comunque e soprattutto una prospettiva su riferimenti certi, nelle altre proposte ancora non  sono riuscito a capire quale è la visione di città di ognuno di loro ha.”

Quali sono i tuoi punti di forza una volta eletto in Consiglio Comunale se farai parte dei 24 fortunati.

“Io credo che vada continuato quel lavoro già in atto, vada perfezionato, va anche allargato sicuramente all’alternanza perché sono sicuramente preparati qualche tempo fa. Il punto di forza è permettere sicuramente sulla ripubblicizzazione dei servizi pubblici, quindi siamo partiti dallo smaltimento rifiuti, dobbiamo mettere mano alla ripubblicizzazione della sosta, del servizio del trasporto., dobbiamo mettere mano anche alla manutenzione della città, che anceh li bisogna vedere le modalità con le quali si fa manutenzione.”

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *