Conversazione con il candidato consigliere della Lega Marco Ruggeri

Marco Ruggeri

Ho avuto l’occasione, dopo la presentazione della lista della Lega, uno dei candidati che si chiama Marco Ruggeri.

Al di là della presentazione della lista ti sei voluto mettere in gioco come un giovane di belle speranze, sperando che tu possa essere eletto come consigliere comunale per dare il tuo contributo su che cosa?

“Innanzitutto io sono già stato candidato alle scorse elezioni del 2013, questo era un percorso politico che ha avuto una evoluzione, che la Lega in questo momento può dare un forte contributo in questa città che ne ha bisogno. Il mio contributo, chi mi conosce lo sa, è soprattutto orientato a quello che Formia può permettere, ossia la sua naturale abitudine che agli occhi di tutti è uno spettacolo paesaggistico e naturalistico che non ha eguali. Formia promette di poter fare tantissime attività, quindi senza poter fare degli investimenti faraonici, la possibilità di poter utilizzare il mare, la montagna, alle attività ludico – sportive, attività che comunque prendono molto tempo, poiché soprattutto negli ultimo anni il turismo dedicato allo sport ha avuto una forte crescita, un turismo che valorizzerebbe il territorio, e sarebbe un impatto ecologico per la nostra città che si presta a fare questo tipo di attività, basta pensare che il Golfo dove Formia si affaccia è il teatro della vela dove molte attività veliche svolgono eventi anche di enorme importanza nonostante non ci sia una collaborazione forte del Comune.”

Il centro Velico è situato al CONI insieme ad altre federazioni, quindi ha già una forte importanza e diventa un aspetto importante per la città.

“Si, questo è un altro punto che preciso, io sto al CONI con un associazione e comprendo perfettamente tutte queste dinamiche e comprendo soprattutto la difficoltà che le nostre associazioni hanno per poter lavorare in un contesto dove a volte è poco collaborativo, il centro velico di Formia si stabilisce soprattutto lungo tutto il lungomare di Vindicio.”

Perché c’è il vento di ponente….

“Chi conosce Vindicio sa bene, è un salotto della vela che comunque viene ostacolata da altre attività poiché ci sono ancora oggi impianti ittici che andiamo ad allargarsi un po’, ma andrebbero rimossi. Ma non solo: Formia si presta anche per un turismo montano, forse siamo l’unica realtà che può vantare di avere uno sbocco al mare di decine di chilometri ma soprattutto centinaia di chilometri di montagna perché il Comprensorio degli Aurunci è un comprensorio molto vasto che può essere sfruttato per qualunque tipo di attività, in questa che può essere il trekking, l’escursionismo, il mountain bike, c’è veramente tanto da poter fare in questo territorio e lo si può fare con piccole cose, senza andare a stravolgere una città che già sappiamo ha avuto parecchi danni, quindi il mio impegno è soprattutto per portare a Formia una città trasformata perché credo che viviamo veramente in un posto bellissimo.”

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *