Confisca della Guardia di Finanza ad un’ imprenditore di Roma

Guardia di Finzanza

C’è stato un decreto di confisca è stato eseguito nella mattinata del 27 giugno dai militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma sul patrimonio dell’imprenditore Giovanni De Pierro, 69 anni, che attraverso diverse società si occupava della compravendita di immobili, del commercio di autoveicoli, di polizie industriali, servizi alle imprese e cantieri per la nautica. Tra i beni confiscati anche un’imbarcazione di 15 metri del valore di 200mila euro, oltre a diversi locali commerciali ubicati all’Eur e denaro contante per 1,3 milioni di euro rinvenuto nella cassa forte della sua abitazione.  L’operazione ha toccato anche Latina. L’accertata sproporzione tra le ricchezze accumulate e i redditi dichiarati ha consentito di procedere prima al sequestro dei beni, eseguito nel 2014 e poi alla confisca di I grado alla fine del 2016. Sono stati definitivamente incamerati dallo Stato il patrimonio aziendale di 83 società, con sedi a Roma, Napoli, Milano, nel Regno Unito, in Lussemburgo, in Costa Rica, nelle Isole Vergini Britanniche e nella Repubblica di Panama; le quote di 6 società, con sedi nelle province di Roma, Latina e Livorno, 64 immobili e 48 terreni, ubicati tra Roma, Milano, Isernia, Frosinone, Sassari, Oristano, Livorno, Siena e Latina; oltre a 37 autoveicoli, un natante e rapporti bancari, postali e azioni. Il patrimonio complessivo ammonta a 390 milioni. Le investigazioni hanno consentito di riscontrare l’esistenza di un gruppo a struttura piramidale, con a capo De Pierro, il quale, mediante l’utilizzo strumentale di innumerevoli aziende, formalmente amministrate da prestanome, era riuscito ad assicurarsi un elevato numero di appalti pubblici, specie nel settore dei servizi di pulizia e facchinaggio, e a sottrarsi al pagamento di ingenti debiti nei confronti dell’Erario, dell’Inps, dell’Inail e di Enti locali.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *