banner 728x90
Spada

Quella testata gli è costata 6 anni di reclusione: è la sentenza pronunciata dal Tribunale di Roma nei confronti di Roberto Spada e Ruben Alvez Del Puerto per l’aggressione al giornalista di ‘Nemo’ Daniele Piervincenzi e all’operatore Edoardo Anselmi, che era avvenuta a Ostia lo scorso 7 novembre. I giudici della Nona sezione hanno riconosciuto l’aggravante del metodo mafioso e per entrambi gli imputati hanno disposto un anno di libertà vigilata al termine dell’espiazione della pena. Il Pm Giovanni Musarò aveva chiesto una condanna per entrambi a otto anni e 9 mesi di carcere. Spada e Del Puerto dovranno risarcire i due giornalisti aggrediti con 4mila euro, risarcimenti sono stati stabiliti anche a favore delle parti civili, fra cui Comune, Regione, Odg, Fnsi, Libera. Spada, arrestato due giorni dopo l’aggressione alla troupe tv, è detenuto nel carcere di Tolmezzo (Udine) nella sezione di alta sicurezza, Del Puerto si trova in carcere a Nuoro. Fu “un’aggressione plateale e ostentata, lucidamente pianificata” da Roberto Spada per mostrare la propria forza davanti al suo territorio e ribadire il suo predominio a Ostia, come ha detto il Pm Giovanni Musarò nella sua requisitoria. Secondo il Pm, Spada accetta l’intervista all’inizio perché “vuole dimostrare che non ha paura di una telecamera. Ma quando Piervincenzi continua a fare domande, Spada si accorge che la situazione sta diventando un boomerang. E prova a riequilibrare il prestigio del clan con i metodi violenti che lui conosce meglio. Se avesse voluto solo picchiare Piervincenzi senza fare cosa plateale e cercare un ritorno in termini di prestigio  Spada lo avrebbe aggredito all’interno della palestra, contando sul fido Ruben Alvez. Invece lo fa in strada, davanti a tutti, e soprattutto davanti alla telecamera, in modo plateale e ostentato. D’altronde, cosa c’è di meglio di una telecamera per acquisire quel tipo di prestigio da parte degli Spada?”.

banner 728x90