Tribunale

Michele Di Bonito, il 49enne di Latina ritenuto responsabile della rapina messa a segno il 23 settembre dello scorso anno ai danni del supermercato di Borgo Santa Mariainsieme alla 34enne Veronica Anzovino è stato condannato a quasi cinque anni di reclusione. In quella circostamnza l’uomo quasi all’orario di chiusura, con il volto coperto, era entrato armato di taglierino nell’esercizio commerciale e si era fatto consegnare l’incasso – circa 300 euro – poi era fuggito a bordo di un’auto che lo aspettava fuori alla guida della quale c’era la complice. Le indagini, supportate dalle immagini delle telecamere di sorveglianza e dai particolari forniti dalle vittime del colpo, avevano consentito in un paio di giorni di arrivare all’arresto di Di Bonito e della Anzovino, bloccati a bordo della stessa auto utilizzata per la rapina in pieno centro cittadino. L’uomo, con una serie di precedenti per stupefacenti, ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato e nella mattina del 27 maggio, assistito dall’avvocato Gaetano Marino, è comparso davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Mario La Rosa per rispondere di rapina e detenzione di arma da taglio. Il pubblico ministero Giuseppe Miliano ha chiesto una condanna a sei anni di carcere ma il gup, a conclusione della camera di consiglio, ha ridotto la pena a quattro anni, dieci mesi e 20 giorni di detenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui