Condannato a 13 anni per aver tentato di uccidere la moglie

Aula di tribunale

Il Tribunale di Latina ha condannato a 13 anni di carcere Antonio Della Rocca, 75enne di Sonnino chiamato a rispondere di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia. L’uomo era finito in carcere, dove si trova attualmente, il 24 settembre dello scorso anno quando aveva aggredito e ferito la moglie Angelina Gianfelice con un coltello da cucina al culmine di una lite domestica. Il 23 ottobre, davanti al primo collegio penale c’è stata  l’ultima udienza del processo a suo carico: l’accusa, rappresentata in aula dal pubblico ministero Claudio De Lazzaro, a conclusione della requisitoria ha chiesto una condanna a dieci anni di carcere per tentato omicidio aggravato e maltrattamenti sempre ai danni della moglie. La difesa, rappresentata dall’avvocato Firmina De Bonis, ha  chiesto la derubricazione del reato in lesioni e sottolineato come i maltrattamenti si riferiscono ad episodi antecedenti  per i quali Della Rocca è già stato condannato ed ha già scontato la pena oltre che essere stato anche riaccolto in casa ogni volta dalla moglie. Il Tribunale a conclusione della camera di consiglio ha tuttavia condannato il 75enne ad una pena superiore a quella richiesta, 13 anni di reclusione. La difesa ha già preannunciato il ricorso in appello.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *