CONCLUSO IL X° CAMPIONATO DI VELA DEL GOLFO : VINCITORI E PREMIAZIONI

Regata dell'8 marzo
Regata dell’8 marzo
Barca Eta Beta
Barca Eta Beta
Maria Letizia Grella
Maria Letizia Grella

L’8 marzo si è concluso il X° campionato di vela del Golfo con le seguenti classifiche:

  • Nella categoria IRC, classe Regata, sempre per quanto riguarda la seconda manche, vede vincitrici la GLOBULO ROSSO – CARBUREX dell’armatore Alessandro Burzi del Yacht Club Gaeta con 7 punti, seguita da VLAG dell’armatore Luca Baldino del Club Nautico Caposele con 11,50 punti e la terza LOUCURA – ZENTRUM CASSINO dell’ armatore Federico Roncone con 13,50 punti.
  • Nella categoria IRC, classe Crociera, la prima classificata è la barca ETA BETA dell’armatrice Maria Letizia Grella del Club Nautico Caposele con 7 punti; la seconda barca, CRISTINA, dell’armatrice Laetitia Masi CON 10,50, la terza barca è ISIDE dell’armatore Mauro Travaglione del Yacht Club Gaeta con 13,50 punti.

Quindi la classifica finale è per le due categorie è la seguente:

  • per la classe Regata i primi tre posti sono andati alla prima GLOBULO ROSSO – CARBUREX con 15 punti, la seconda   LOUCURA – ZENTRUM CASSINO con punti 17 e la terza VLAG con punti 26,50;
  • per la classe Crociera i primi tre posti sono andati alla prima ETA BETA con 11,50 punti, la seconda CRISTINA con 16 punti e la terza ISIDE con 23, 50 punti.

Per la categoria ORC la seconda manche è finita nel modo seguente: VLAG con 8 punti, seguita da GLOBULO ROSSO – CARBUREX con 10,5 punti e la terza posizione occupata da LOUCURA – ZENTRUM CASSINO con 13,50 punti, e la classifica finale ha visto trionfare LOUCURA – ZENTRUM CASSINO con 15 punti seguita da VLAG con 16,50.

Dopo la premiazione, abbiamo ascoltato la viva voce dell’armatrice Maria Letizia Grella, armatrice dell’ETA BETA, che ha un equipaggio tutto composto da donne, alla quale abbiamo chiesto come è stato il suo andamento in questa regata.

“Il campionato per noi è andato molto bene anche visti i risultati nonostante una prima manche con un vento che si è fatto un po’ attendere, infatti abbiamo fatto pochissime prove, siamo state anche un po’ sfortunate nella prima lunga che purtroppo non si può scartare quindi ci ha un po’ penalizzato. Nella seconda manche abbiamo avuto più vento, la barca è andata bene, le ragazze anche molto bene, diciamo che gli allenamenti che facciamo tutte le settimane hanno dato i suoi frutti, quindi siamo molto contente del campionato.”

Gli abbiamo chiesto delle sue prossime regate e le ci ha detto che “ ci aspetta tutto il circuito Alf Dom, la prima regata sarà a fine marzo a Fiumicino per il Trofeo dei Porti Imperiali, poi scendiamo a San Felice Circeo con la 100 Miglia, poi saliamo ad Anzio per la 41esima che arriva poi a Gaeta, dove faremo Punta Stendardo per ritornare ad Anzio con la Coppa Steria, poi c’è una pausa per il periodo estivo, e finiamo il campionato Alf Dom a settembre con la Coppa Italia.”

La Grella poi ha voluto fare un appunto riguardo il Club Nautico Caposele che “nonostante il nostro impegno sportivo, sia personale e sia di tutte le ragazze, che come dicevo prima, ci alleniamo tutte le settimane, comunque partecipiamo da anni al Campionato Invernale del Golfo e quest’anno diciamo che ci sono stati un po’ di problemi con il direttivo del Caposele, che purtroppo ci ha allontanato dal circolo per 8 mesi, dicendo una serie di fandonie sulla nostra barca e sul nostro equipaggio, quindi questa cosa a me dispiace molto e mi auguro che poi questa faccenda si possa risolvere nel migliore dei modi.”

Quindi gli abbiamo chiesto se la lealtà sportiva era la prima cosa e lei ci ha risposto così: “Si, anche perché di solito ci si aspetta che il proprio circolo di appartenenza ti possa agevolare, comunque seguire, dare una mano per gli impegni agonistici, invece purtroppo è stato tutt’altro, però io spero che in futuro questa cosa si possa risanare.”

Quindi in bocca al lupo a lei ed anche agli altri equipaggi impegnati in questa prova velistica svoltasi nel Golfo di Gaeta con sede a Formia.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *