Il Comune di Roma gestirà le monete che si trovano nella vasca della Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

E’ un milione di euro la media delle monete che vengono raccolte ogni fine d’anno dalla vasca della Fontana di Trevi, la più bella delle fontane artistiche che si trovano a Roma, che gettano passanti e turisti. Il capolavoro del barocco realizzato da Salvi e Pannini è uno dei simboli di Roma, grazie anche all’intramontabile scena de La dolce vita di Fellini, col bagno della Ekberg nella fontana mentre tenta Mastroianni. Chi raccoglieva e gestiva quel milione finora? La Caritas. Chi lo gestirà d’ora in poi? Il Comune di Roma, amministrato dal Movimento 5 Stelle. Sarà una Pasqua amara per la Caritas diocesana a Roma. Una memoria della giunta capitolina firmata dal vicesindaco Luca Bergamo e dall’assessora alla Comunità solidale e Scuola, Laura Baldassarre, stabilisce che da aprile il ricavato dalla raccolta delle monetine lanciate nella Fontana di Trevi andrà a finanziare “progetti di solidarietà” del Comune. La comunicazione non è ancora ufficiale del tutto, ecco perché finora non c’è risposta si questo punto da parte della Caritas. Che pure fornisce servizi e alloggi di grande importanza per senzatetto, poveri e fasce disagiate della Capitale assediata da numerosi problemi. Compreso un emporio dove è possibile comprare generi di prima necessità per le famiglie con seri problemi economici. E’ cominciato, seppure in maniera morbida, un braccio di ferro tra la giunta Raggi e la Caritas, di cui si attendono sviluppi. Ma sembra che la delibera faccia partire questo progetto solamente dal 2019, quindi la Caritas ancora per un anno ( per la comunità nazionale è un vero e proprio furto perpetuato dai Cinque stelle romani) potrà gestite queste preziose monete per la loro attività.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *