Stemma di Itri

Nella giornata di sabato 4 aprile, a Itri ha avuto termine un ulteriore ciclo di disinfezione che ha interessato strade, marciapiedi e contrade del nostro Comune. Non solo il centro cittadino, ma anche le periferie e le contrade, quelle maggiormente urbanizzate, sono state raggiunte dal servizio. La disinfezione ha riguardato pure gli spazi antistanti lo scalo ferroviario ed il cimitero comunale. Quella terminata oggi è stata la seconda tornata, ma è intenzione dell’Amministrazione procedere con l’effettuazione di ulteriori e successive operazioni, oltre che con la sanificazione degli edifici pubblici e delle scuole, già programmata per le prossime settimane. Ha commentato il sindaco Fargiorgio: “Debbo pubblicamente ringraziare i componenti della locale sezione Italcaccia che hanno messo a disposizione i loro mezzi, utilizzando i prodotti a norma di legge forniti dalla De Vizia, consentendo con la disinfezione di raggiungere anche angoli, parti e vicoli di tutto il centro storico di Itri, che diversamente non si sarebbero potuti raggiungere con i mezzi più grandi a disposizione della De Vizia. Ai mezzi pur in dotazione della Società che si occupa della raccolta differenziata, infatti, causa i noti provvedimenti che riguardano la vicina città di Fondi, non è stato consentito di poter avere accesso a Itri. La sezione Italcaccia ha così consentito di supplire ad una carenza che rischiava di non farci completare l’opera, puntuale, di disinfezione della nostra cittadina. Ad essa pertanto va un doveroso ringraziamento. Spiace prendere nota del fatto che tre consiglieri di opposizione abbiano ancora una volta voluto distinguersi con un accesso agli atti, presagendo chissà quali irregolarità. In un momento come quello che stiamo affrontando, ritengo sia necessario essere uniti e solidali e poter contare sull’appoggio delle forze buone, e sono tante, che animano la nostra comunità. Non penso ci sia spazio per una querelle politica, oggi inutile e sterile. Nelle prossime settimane, e lasciando passare il necessario arco di tempo voluto dallo stesso Istituto Superiore della Sanità, è nostra intenzione effettuare altri cicli di disinfezione sul territorio. Per far questo, ci avvarremo della disponibilità già dataci da altri due gruppi di volontari, che pure possiedono mezzi idonei e che ho già privatamente ringraziato per il loro senso civico. Ringrazio inoltre gli Uffici che, in una situazione così delicata, non fanno mancare il loro impegno. Tutti insieme ed uniti, ce la faremo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui