Chi è il Vescovo vestito di bianco?

Dal 13 maggio al 13 ottobre 1917 (quasi un secolo fa) in Portogallo, precisamente a Fatima, la Vergine Maria papiapparve a tre pastorelli lasciando loro varie rivelazioni. I cosiddetti segreti. Nei primi due, troppo spesso ignorati dal sensazionalismo sul terzo segreto, si parla dell’inferno e della Seconda Guerra Mondiale (quando è ancora in corso la prima). Nel terzo, invece, si parla di un “vescovo vestito di bianco” che muore. Ecco il testo rivelato dal Vaticano nel 2000, dall’allora cardinal Ratzinger che, a sua insaputa, probabilmente si sarebbe ritrovato al centro di questa profezia: “E vedemmo in una luce immensa che è Dio: “qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti” un Vescovo vestito di Bianco “abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre”. Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c’era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni.” La Chiesa ha espresso la Sua interpretazioni in merito a queste rivelazioni, ma a molti i conti non tornano. È interessante però registrare, alla luce degli eventi degli ultimi due anni (a partire dall’abdicazione di Benedetto XVI), come l’apparente anomalia di un vescovo vestito di bianco (qual è appunto il Papa), trovi ai giorni nostri la sua migliore interpretazione. Abbiamo un Papa regnante, che veste di bianco, che si fa chiamare vescovo e un Papa emerito (che forse sarebbe solo vescovo), sempre vestito di bianco, che continua a farsi chiamare Papa. Oltretutto siamo a ridosso del 2017, il centenario delle apparizioni e, stando alle parole di Ratzinger (un protagonista della vicenda, quindi): “Sbaglierebbe chi pensa che la visione profetica di Fatima riguardi solo il passato”. Le autorità ecclesiastiche sembrano ignorare la straordinaria coincidenza di eventi e, per il 2017, sono presi dai festeggiamenti ecumenici della riforma (eretica) di Lutero. Ma forse anche questo è l’ennesimo segno che i tempi che stiamo vivendo sono quelli profetizzati a Fatima. Rimane solo il mistero di chi, tra Ratzinger e Bergoglio, sia il ‘vescovo vestito di bianco’ che viene ucciso da un gruppo di soldati. Mentre nel mondo, muoiono costantemente “religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni” per il semplice fatto di essere cristiani.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *