Carabiniere del Nas di Latina salva una donna dall’affogamento, ma si sente male

Il maresciallo Danilo Beti

 Atto di eroismo quotidiano ad Anzio da parte di un Carabiniere appartenente ai Nas di Latina, il maresciallo capo Danilo Beti che il 29 giugno ha salvato, mentre si trovava libero dal servizio, al mare ad Anzio insieme al figlio, , al lido Rivazzurra, una donna di 50 anni, che ha chiesto aiuto a causa delle forti correnti che rischiavano di trascinarla. L’uomo ha lasciato la mano del figlio e ha nuotato per raggiungere la donna portandola fino alla boa più vicina. Lì, in balìa delle onde, ha atteso l’arrivo dei soccorsi rassicurando la donna. Raggiunta la spiaggia, a causa dello stress dovuto allo sforzo, si è sentito male ed è finito in ospedale per accertamenti. Il gesto coraggioso del carabiniere è giunto all’attenzione del Ministro della Difesa, la signora Elisabetta Trenta , che ha scritto su facebook il suo commento per questo gesto: “Forza Danilo! Danilo è un maresciallo capo dei carabinieri e ieri mattina stava passeggiando con suo figlio ad Anzio, sulla spiaggia, quando le urla provenienti dal mare hanno richiamato la sua attenzione. Una donna stava annegando. Danilo ha lasciato la mano del bambino e si è tuffato in acqua nuotando come un campione olimpico portando la donna sino alla boa più vicina. Giunti in spiaggia, anche Danilo ha avvertito un malore ed è stato soccorso. Forza Danilo recupera in fretta e ritrova le energie anche grazie al calore di tutti noi. Hai salvato una vita,sei un eroe e quegli Alamari davvero li hai cuciti sulla pelle perché non si potrebbe spiegare altrimenti la forza e il tuo infinito coraggio”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *