Cambio al vertice al Corpo delle Capitanerie di Porto

Ammiraglio Melone
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Cambio Capitaneria di Porto
Militare
Cambio Capitaneria di Portobuna
Delrio
Delrio
Tribuna

Cambio al vertice al Corpo delle Capitanerie di Porto avvenuto venerdì 9 febbraio con la cerimonia di passaggio di consegne al vertice del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, tra l’Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, cedente, e l’Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accettante. All’evento ha preso parte il  Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli. Presenti nella platea, tra le numerose autorità, anche i Vertici delle Forze Armate, Forze di Polizia e degli altri Corpi dello Stato. La cerimonia, aperta sulle note dell’inno della Guardia Costiera “Angeli del Mare”, dopo la consueta rassegna dei reparti, è stata suggellata dalla rituale formula di riconoscimento pronunciata dall’Ammiraglio Melone. Ha affermato l’ammiraglio Melone nel suo intervento di commiato, ripercorrendo il periodo trascorso alla guida del Corpo: “La parola “incontro”  rappresenta la sintesi, la cartina di tornasole di un periodo che trova qui il suo coronamento. Dall’aprirsi all’incontro con gli altri, Istituzioni, società civile, operatori del settore e personale della Guardia Costiera, sono nate le cose migliori, alla base dei risultati raggiunti in questo intenso periodo in cui ho avuto il privilegio e l’onore di guidare il Corpo.” Suggestivo è stato il momento in cui, dopo l’ammaina del vessillo dell’Ammiraglio Melone, è stato issato quello dell’Ammiraglio Pettorino, che, rivolgendosi alla platea, ha affermato: “È con grande e profonda ammirazione che oggi ricevo il delicato incarico che il Governo italiano ha voluto affidarmi. Ringrazio pertanto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministro della Difesa e i vertici militari che hanno voluto concedermi questo alto onore e il privilegio di servire il nostro Paese a Capo di un Corpo, come quello delle Capitanerie di porto, da oltre un secolo e mezzo al servizio di tutti coloro che ogni giorno vivono e lavorano nei nostri mari e lungo le nostre coste.” Sono successivamente intervenuti il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Valter Girardelli e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, che hanno sottolineato come la Guardia Costiera sia efficacemente inserita nel Sistema-Paese, sostanziando un binomio di colleganza e di approccio integrato alle attività tese al bene comune, nel segno della più versatile interoperabilità. La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Ministro Delrio, che ha voluto ricordare alcuni degli episodi più significativi dell’operato dell’Ammiraglio Melone alla guida di un Corpo che si è distinto perché “attento all’umanità, ma fermo nel rispetto della legalità nell’operare per il bene del mare”. Il Ministro, nel congratularsi con l’Ammiraglio Melone per i risultati raggiunti, ha augurato un “sincero auspicio di buon vento” all’Ammiraglio Pettorino.

Ecco i curriculum dei due ammiragli.

L’Ammiraglio Melone:

L’ Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Vincenzo MELONE è nato a Roma (RM) il 9 febbraio 1953. Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica ha frequentato i corsi normali di S.M. dell’Accademia Navale di Livorno dal 1972 al 1976, laureandosi in scienze marittime e navali. Quale ufficiale di Stato Maggiore della Marina Militare è stato imbarcato su diverse unità della Squadra Navale tra cui Nave Etna, Nave Doria, Nave Impavido, Nave S. Giorgio, Nave Centauro e Nave Canopo, conseguendo l’abilitazione as/sioc e il comando di guardia in plancia. Nel 1982 è transitato nel Corpo delle capitanerie di porto, ricoprendo, tra gli altri, incarichi di comando presso i seguenti uffici:

– ufficio circondariale marittimo di La Maddalena, dal 1986 al 1987;

– capitaneria di porto di Viareggio, dal 1995 al 1998;

– capitaneria di porto di Pescara, dal 2002 al 2004;

Nel 1987 ha conseguito la specializzazione “ordinamento servizio sicurezza della navigazione e difesa NBC”.

Nel periodo dal 1989 al 1991 l’Ammiraglio ha ricoperto l’incarico di Ufficiale Superiore addetto al Ministro della Marina Mercantile, dal 1992 al 1995 è stato Assistente del Comandante Generale e dal 1999 al 2002 ha curato i rapporti con il Parlamento per i provvedimenti di interesse del Corpo delle Capitanerie di porto.

E’ stato insignito delle seguenti decorazioni e onorificenze:

– Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana;

– Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera Militare;

– Medaglia Militare d’argento al Merito di lungo comando;

– Croce d’oro con stelletta per anzianità di servizio militare;

– Diploma di Benemerenza della Protezione Civile;

– Diploma di Benemerenza con Medaglia per le operazioni di soccorso pubbliche calamità;

– Grande Ufficiale dell’Ordine Militare di Malta;

– Commendatore di merito con placca del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Il 31 maggio 2005 ha assunto l’incarico di Capo del III Reparto Piani e Operazioni del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera ed in tale incarico è stato responsabile nazionale dell’impiego operativo della componente aeronavale e subacquea del Corpo, della predisposizione dei documenti di pianificazione e soprattutto delle emergenze in mare sia per quanto riguarda la salvaguardia della vita umana che della tutela dell’ambiente marino.

Il 15 novembre 2010 ha assunto l’incarico di Capo del I Reparto Personale del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera.

Il 6 gennaio 2013 ha assunto l’incarico di Vice Comandante Generale.

Il 16 maggio 2013 ha assunto l’incarico di Direttore Marittimo della Liguria – Comandante del porto di Genova.

Dal 2 novembre 2015 ha assunto l’incarico di Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera cessato il 9 febbraio del 2018

Il nuovo ammiraglio comandate generale del Corpo delle capitanerie di Porto Ammiraglio Pettorino:

L’Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni PETTORINO è nato a Roma il 24 luglio 1956. Sposato con due figli, si è laureato in Scienze Politiche presso l’università “La Sapienza” di Roma.

Dopo aver prestato servizio nel gruppo sportivo militare delle “Fiamme Gialle” per oltre quattro anni, ha frequentato il corso a nomina diretta presso l’Accademia Navale di Livorno nel 1981.

Successivamente ha prestato servizio presso le Capitanerie di Porto di Napoli e Viareggio ed ha effettuato imbarchi di addestramento a bordo della fregata Alpino e del dragamine Larice.

Ha frequentato il 13° corso di abilitazione al Comando di motovedette d’altura nel 1986, il 14° corso Normale di Stato Maggiore presso l’Istituto di Guerra Marittima di Livorno nel 1994/1995 ed il 1° corso dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze nel 1998/1999.

Nel 1988 ha conseguito la specializzazione in “Diritto internazionale marittimo” presso la IIª Università degli Studi di Roma.

Nel 1989/1990 è stato Capo dell’ufficio circondariale marittimo e Comandante del porto di Sanremo, successivamente è stato trasferito a Roma presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Nel 1991/1992 ha partecipato, con il 22° Gruppo Navale, alla prima missione in Albania.

Dal luglio 1995 all’agosto 1999 è stato Comandante in IIa della Capitaneria di Porto di Pescara.

Nel 1999/2001 è stato Capo del Compartimento marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro.

Dal febbraio 2000 al febbraio 2001 ha, inoltre svolto la funzione di Commissario aggiunto dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro.

Dal 10 febbraio 2001 al 18 ottobre 2004 è stato destinato presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto dove ha rivestito gli incarichi di Capo Ufficio Servizi d’Istituto e di Ufficiale superiore addetto ai rapporti con il Parlamento.

Dall’ottobre 2004 all’ottobre 2005 è stato designato, presso l’ufficio di Gabinetto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti quale Ufficiale Superiore addetto al Ministro.

Nel 2005/2007 è stato Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto di La Spezia.

Dal 2007 al 2010 ha rivestito l’incarico di Assistente del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e dal settembre 2008 al settembre 2009 anche quello di Capo Ufficio Relazioni Esterne.

Dal 18 settembre 2010 al 28 ottobre 2013 ha ricoperto l’incarico di Direttore Marittimo delle Marche, di Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto di Ancona. Nello stesso periodo ha assunto anche la Presidenza del Circolo Ufficiali della Marina Militare di Ancona.

Dal 29 ottobre 2013 al 2 ottobre 2015 è stato nuovamente destinato presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto con l’incarico di Capo del 3° Reparto Piani e Operazioni alle cui dipendenze opera il Centro Nazionale di Coordinamento di Soccorso Marittimo (IMRCC).

Dal 3 ottobre 2015 ha assunto l’incarico di Direttore Marittimo della Liguria e Comandante del porto di Genova. Dal 23 novembre 2015 fino al 1 dicembre 2016 ha assunto altresì l’incarico di Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale di Genova.

Con Decreto del Presidente della Repubblica in data 8 gennaio 2018, vista la delibera del consiglio dei Ministri del 29 dicembre 2017, è stato nominato, a decorrere dal 10 febbraio 2018, Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto con contestuale conferimento del grado di Ammiraglio Ispettore Capo.

E’ insignito dell’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, della medaglia Mauriziana, della Croce d’oro per anzianità di servizio militare, Croce Commemorativa per attività di soccorso internazionale in Albania svolta dalle Forze Armate Italiane e di Croce di Cavaliere con Spade dell’Ordine al Merito Melitense. È insignito, inoltre, dell’onorificenza di Cavaliere di merito con placca del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *