gdf2L’origine dell’inchiesta che ha portato oggi ai provvedimenti, nasce nel 2012, nella sede del Napoli e della Figc, con la Guardia di Finanza che acquisisce i contratti del calciatore Lavezzi, ceduto dal Napoli al Psg, e dell’attaccante argentino Cristian Chavez. Partendo da quella attività, i finanzieri, nei mesi successivi, si sono presentati nelle sedi di 41 società tra serie A e B, per acquisire ulteriore documentazione. Un fenomeno generalizzato che ha portato la progressiva ed esasperata lievitazione degli oneri relativi agli ingaggi dei calciatori. Secondo l’ipotesi investigativa, questo avrebbe fatto sì che nel tempo si determinasse una situazione di squilibrio gestionale sul piano economico e finanziario, che potrebbe aver spinto le società a compiere una serie di illeciti fiscali. Intanto arrivano le prime reazioni del mondo del calcio. Tra i primi da casa Milan, dove l’indagato è uno storico dirigente del Milan e del calcio italiano, Adriano Galliani. Il club rossonero afferma che nella vicenda Adriano Galliani e il Milan sono nella vicenda in una posizione assolutamente marginale, e l’accusa è infondata. E presto verrà chiarito il tutto con una doverosa conseguente archiviazione. Tutti ci auguriamo che venga fatta chiarezza, perchè le nubi sono troppe, e il calcio ha bisogno di trasparenza.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui