gdf2Tra gli ex calciatori Adrian Mutu e Diego Milito. Inchiesta che coinvolge anche i procuratori. Diversi coinvolti, tra i quali Alessandro Moggi. La sede del Milan è stata una delle prime perquisizioni messe in atto dalla Guardia di Finanza. Stamattina c’è stata una acquisizione di documenti da parte della Guardia di Finanza proprio nella sede rossonera. Acquisizione di documenti che proseguirà nelle altre sedi societarie indagate. L’operazione, denominata “Operazione Fuorigioco”, secondo il procuratore aggiunto di Napoli Vincenzo Piscitelli, prevede l’esistenza di un radicato sistema finalizzato ad evadere le imposte, posto in essere da 35 società calcistiche di serie A e B. Oltre che da un centinaio di persone fisiche, diverse elencate precedentemente. Anche se ancora risultano 64 le persone indagate, le altre non sono ancora state raggiunte da avviso di garanzia. Il meccanismo fraudolento per sottrarre materia imponibile alle casse dello Stato italiano, in particolare è stato adottato nel contesto delle operazioni commerciali sulla compravendita di calciatori. Il sequestro dei beni, attualmente, si aggira intorno ai  12 milioni di euro. Una “collaborazione” stretta tra procuratori e società calcistiche che ha portato a non versare somme di denaro nella casse dello Stato, quindi illecitamente sottratte al Fisco da parte degli indagati. Una vera bufera.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui