Bambine adescate e violentate a Crema. arrestato il violentatore

Bambina violentata

Orrore sessuale in quel di Crema in provincia di Cremona: un ragazzo di 29 anni  è stato arrestato il 9 agosto per violenza sessuale su minore. Secondo le indagini della Mobile e del Commissariato di Crema, partite nello scorso febbraio dalla denuncia dai genitori di una delle vittime, l’uomo avrebbe violentato due bambine sue vicine di casa, approfittando della momentanea assenza dei genitori e attirandole nel suo appartamento con uno stratagemma, per poi minacciarle di morte nel caso avessero rivelato quando accaduto. Il Pubblico ministero di Cremona, Milda Milli, titolare del fascicolo processuale, ha disposto l’audizione protetta della minore che ha denunciato la violenza da parte del 29enne arrestato, e anche la perquisizione dell’ abitazione dell’uomo, nel corso della quale è stato trovato e sequestrato un cellulare. All’interno, gli inquirenti hanno trovato un file video registrato dall’arrestato nel quale si vede lo stesso mentre usa violenza su una minore, una bimba intorno ai 10 anni. Non era la stessa piccola i cui genitori avevano sporto denuncia e gli agenti sono riusciti a identificarla come un’altra vicina di casa. Il Pm ha richiesto al Gip l’emissione della misura cautelare, poi eseguita. L’uomo è stato accompagnato presso la casa circondariale di Cremona a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. I genitori della bambina di 9 anni di Crema, in provincia di Cremona, una delle due giovani vittime del 29enne arrestato per violenza sessuale su minori, si sono accorti di quanto stava accadendo alla figlia tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, dopo aver ritrovato sul cellulare della piccola alcuni messaggi Whatsapp con cui il vicino di casa la invitava ad andare da lui, minacciandola di rivelare a tutti quello che era successo. Dopo la scoperta, la piccola ha raccontato tutto, confermandolo di fronte al pm che l’ha ascoltata in audizione protetta. Lo ha riferito all’Adnkronos Antonino Andronico, l’avvocato difensore della vittima.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *