Aumentano i tumori alla gola in Italia e nel mondo a causa del Papilloma Virus

Ricercatore

Sono in aumento i casi di tumore alla gola in Italia e nel mondo e nel prossimo decennio, secondo le stime che sono sicuramente allarmanti, sono destinati ad aumentare in maniera esponenziale. Il principale responsabile è il virus del Papilloma umano (Hpv), un’infezione molto diffusa, trasmessa prevalentemente per via sessuale e nella maggior parte dei casi asintomatica. Ad accendere i riflettori sono stati  gli esperti internazionali coinvolti nel trattamento dei tumori dell’orofaringe, che per la prima volta si riuniranno in Italia, a Roma, per il VII Congresso mondiale dell’International Academy of Oral Oncology (Iaoo), in programma dall’1 al 3 settembre. Avverte il presidente del congresso Giuseppe Spriano, responsabile di Otorinolaringoiatria all’Irccs Humanitas di Rozzano (Milano) e docente di Humanitas University:  “Negli ultimi 10 anni i tumori orofaringei sono aumentati del 300%, soprattutto in relazione all’aumento di infezioni da Hpv, responsabile in Italia del 40% dei casi, percentuale che sale all’85% negli Stati Uniti. Tuttavia ci aspettiamo un’ulteriore crescita di questi tumori legata al virus poiché la prevalenza è 18 volte superiore rispetto al passato”. Ad aprire l’evento mondiale sarà il professor Harald Zur Hausen, vincitore del premio Nobel per la Medicina nel 2008 per aver scoperto la correlazione tra virus e tumori: “Fino all’inizio di questo secolo, quasi il 20% dell’incidenza globale del cancro è stata legata a vari tipi di infezioni, tra cui virus, batteri e parassiti. Oggi esistono crescenti evidenze che questa percentuale sta aumentando: si calcola che fino al 50% di tutti i tumori è collegato a eventi infettivi”.  Ha sottolineato Spriano: “La vaccinazione oggi è l’arma di prevenzione più importante ma la copertura è ancora lontana da quella auspicata, soprattutto nei maschi che sono maggiormente colpiti dai tumori alla gola. La riduzione d’incidenza legata alla vaccinazione richiederà comunque decenni e solo dopo il 2060 potremo assistere a una diminuzione di questi tumori”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *