Assolto in via definitiva il gìà dirigente scolastico Salvatore Forte dall’accusa di peculato e abuso di ufficio


Targa

Il Tribunale di Latina sezione penale, presieduta dal dottor Francesco Valentini e composta dai giudici dottoressa Assunta Fosso ed Enrica Villani ha assolto il professore Salvatore Forte dall’accusa di peculato e abuso d’ufficio, perché il fatto non sussiste. Il tutto risale al 2009 quando il professore Forte ricopriva l’incarico di Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Castelforte e veniva accusato da alcuni genitori di irregolarità commesse da lui in un arco di tempo che va dal 2007 al 2009, nell’organizzazione scolastica, nelle attività e nella difesa dell’autonomia scolastica da ingerenze politiche. Avvenivano una serie di ispezioni e controlli tesi ad acquisire prove e documenti contro la gestione dirigenziale dell’I.C. di Castelforte: l’Ispettrice dell’USR Puntieri segnalava una situazione di disagio ambientale; il ragioniere Dall’Ara dell’USR, in azione ispettiva, relazionava evidenziando irregolarità e presunti abusi, Il Consiglio Comunale, in cui la minoranza abbandonava l’aula, chiedeva l’allontanamento del dirigente Forte, con una requisitoria paradossale che parlava di “giorno buio della storia di Castelforte”. Il tribunale, si legge nella sentenza, non ha riscontrato irregolarità, né abusi, smentendo le accuse e accusatori, nei progetti di partenariato Comenius, che hanno proiettato in Europa l’I.C. di Castelforte; nei progetti pluriennali e-learning, che hanno favorito l’aggiornamento dei docenti nelle nuove tecnologie con una innovativa piattaforma di Istituto, e la creazione con finanziamenti della Fondazione Roma di due laboratori multimediali; nei progetti di territorio con l’apporto della Provincia; nelle nomine a figure esperte anche esterne qualificate. È stato evidenziato che la progettazione promossa e sostenuta dal dirigente Forte è stato il valore aggiunto che ha comportato notevoli finanziamenti per l’I.C. di Castelforte e la qualità dell’offerta formativa di cui hanno beneficiato gli studenti compresi i soggetti diversamente abili. Soddisfatto il professore Forte che dopo anni vede finalmente una via di uscita ad una situazione che aveva compromesso il suo onore e la sua dignità umana e professionale: “È stata così scoperta l’azione degli accusatori e calunniatori individuabili negli articoli di stampa e negli atti dell’epoca ai quali non resta che vergognarsi per aver esposto al pubblico una persona con comportamenti di una violenza inaudita, ingiustificabili lontani dalla giustizia e della verità”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *