Il nuovo assetto amministrativo della FCA

Sergio Marchionne

Il malore di Marchionne, che comunque era destinato a lasciare il suo incarico di amministratore delegato della FCA (ex Fiat) tra qualche tempo, ha accelerato il processo di avvicendamento nella stessa multinazionale italiana. Infatti il nuovo amministratore delegato di Fca è l’inglese Mike Manley, mentre Luis Camilleri sarà il nuovo amministratore delegato della Ferrari, con John Elkann presidente. La rivoluzione in casa Lingotto è arrivata a sorpresa, durante un sabato di luglio che doveva essere un giorno come tanti ma che invece è diventato campale per il futuro del gruppo. Che non avrà più Sergio Marchionne alla guida, le cui condizioni di salute si sono improvvisamente aggravate. Manley, 54 anni, guidava i marchi Jeep e Ram, brand specializzato nella produzione di pickup e van. John Elkann aveva convocato d’urgenza i Cda di Fca, Ferrari e Cnh che avevano all’ordine del giorno la successione a Sergio Marchionne, la cui convalescenza si è prolungata dopo un’operazione alla spalla subìta a inizio mese. Lo riferiscono fonti vicine a Fca. “Sono profondamente addolorato per le condizioni di Sergio. Si tratta di una situazione impensabile fino a poche ore fa, che lascia a tutti quanti un senso di ingiustizia. Il mio primo pensiero va a Sergio e alla sua famiglia”, ha scritto in una una nota John Elkann, presidente di Fca, in merito all’aggravarsi delle condizioni di salute di Sergio Marchionne. La nuova presidente di Cnh Industrial è una donna di nome Suzanne Heywood. A deciderlo è stato il cda che “ha preso atto con profondo rammarico che il presidente Sergio Marchionne non potrà tornare all’attività lavorativa. Il consiglio continuerà a lavorare al processo di selezione del ceo già in atto. Nel frattempo Derek Neilson proseguirà l’incarico di ceo ad interim, assicurando continuità operativa. Il cda sottolinea la leadership e l’impegno straordinario che Marchionne ha dedicato all’azienda”. Le indiscrezioni sullo stato di salute di Marchionne, che secondo le notizie ufficiali è stato operato alla spalla destra, negli ultimi giorni si sono moltiplicate. Anche il sito Lettera43 aveva parlato di una convocazione a Torino da parte del presidente John Elkann del top management dell’azienda per accelerare il cambio al vertice, ma Fca aveva smentito. Sergio Marchionne, arrivato a Torino nel 2004, avrebbe dovuto lasciare il gruppo il prossimo anno, nell’assemblea di Amsterdam che approverà i conti 2018, ma avrebbe dovuto mantenere la guida della Ferrari. Per la sua successione Fca ha sempre parlato di una scelta interna. Erano quattro i nomi in ballo: Alfredo Altavilla, responsabile Emea del gruppo, Richard Palmer, direttore finanziario, Mike Manley, responsabile del marchio Jeep e Pietro Gorlier, ad di Magneti Marelli. Negli ultimi giorni è stato ipotizzato l’arrivo di Vittorio Colao, per dieci anni alla guida di Vodafone. Marchionne, classe 1952, ha presentato il primo giugno il nuovo piano Fca per il periodo 2018-2022. Il 26 giugno ha partecipato alla cerimonia di consegna di una Jeep Wrangler ai Carabinieri a Roma.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *