Le sorelle Parodi

Purtroppo per la Rai non c i sono stati dei buoni ascolti, ma invece sono stati pessimi. Infatti secondo lo studio Frasi (società che analizza l’andamento dei media), e secondo un articolo di Gianluca Roselli sul Fatto Quotidiano nel corso dell’anno che abbiamo appena lasciato vi sarebbero stati “meno 123.764 telespettatori al giorno per i canali generalisti Rai rispetto al 2016, che arrivano a meno 410.049 nella fascia di prima serata. Con Rai Uno che perde 25.543 spettatori nel giorno medio, Rai Due 73.346 e Rai Tre 24.746. Mentre in prima serata. la fascia più importante, quella che produce i maggiori introiti pubblicitari, Raiuno perde 44.143 spettatori, Raidue 187.933, Raitre 177.963”. Il dito è puntato sui flop di programmi di punta come Domenica in condotto da Cristina e Benedetta  Parodi e  sul Che tempo che fa di Fabio Fazio approdato da Rai3 a Rai1, complici i quali “già nei primi mesi del 2018 sarà costretta a ritoccare al ribasso il suo listino pubblicitario e a regalare spot compensativi agli inserzionisti“.Un altro indice negativo è il flop del renzismo a Viale Mazzini”, e in special modo del renziano direttore generale Mario Orfeo, cui vengono imputati due errori clamorosi, quali il supercontratto di Fabio Fazio e il doloroso addio di Milena Gabanelli, che approderà a La7. La7 che ha accolto transfughi Rai di primo livello come Massimo Giletti e Giovanni Floris, quest’ultimo in special modo divenuto un baluardo dell’informazione alternativo alla Rai. Assieme ovviamente a Lilli Gruber, che vede avvicendarsi politici di spicco nei momenti caldi del dibattito politico. E così lo stesso Renzi preferisce apparire a DiMartedì e la stessa Boschi dalla Gruber anziché veicolare i propri messaggi o le proprie presenze televisive dai canali Rai.  Se a questo cocktail disastroso aggiungiamo anche i rischi inerenti al rinnovo dei diritti sulla trasmissione dei mondiali di calcio e forse anche della Formula Uno, al punto che la redazione di Raisport “sciopererà” mandando in onda il match di Coppa Italia Juventus-Torino senza commento, ci si può rendere conto di quanto Viale Mazzini navighi in gravissimi guai che si riverberano, inesorabilmente, sulla qualità del servizio pubblico pagato dai contribuenti.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui