Formia – foto di Pietro Zangrillo

Bisogna passare dalle parole ai fatti: è quello che hanno i responsabili di Art. Uno di Formia Maria Rita Manzo e Beniamino Gallinaro che ha mandato una lettera dpove spiega quale è l’intento che si vuole raggiungere sul campo ambientale nella città del Golfo, annunciando anche il sostegno della candidatura a sindaco di Luca Magliozzi. Ecco quello che hannoscritto i responsabili di questo partito della sinistra:

“Quello del riscaldamento globale è da tempo una realtà. Riguarda il Paese ma coinvolge fortemente i contesti cittadini nei quali viviamo.

Il ciclo del Carbonio si è spezzato. La produzione di anidride carbonica supera la capacità di assorbimento degli ecosistemi.

Siamo chiamati a mettere in atto, ormai con urgenza e senza più tentennamenti, azioni e politiche che ne riducano gli impatti.

Impatti che interessano gli ecosistemi, la vivibilità, l’economia e che non si limitano a danneggiare l’ ambiente ( che è già di per sé cosa grave) ma favoriscono ed amplificano le disuguaglianze sociali.

Un tema questo non trascurabile: giustizia sociale ed ecologia camminano di pari passo .

La nuova legge europea sul clima dispone la riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 (rispetto ai livelli 1990). Un obiettivo che la gran parte del mondo scientifico ritiene inadeguato. Se vogliamo mantenere l’aumento di temperatura attorno ad 1,5 ° servirebbe una riduzione del 65%.

A di là di questo dato, la situazione rimane grave e obbliga ad un impegno collettivo , affinchè tutti si impegnino a dare il proprio contributo, limitando seriamente le proprie emissioni.

Serve quindi un ripensamento del nostro modo di vivere e di organizzare la vita sociale e produttiva, anche riguardo abitudini, stili di vita, comportamenti individuali e collettivi.

Le città, in questo hanno un ruolo fondamentale.

La città di Formia, che si appresta a rinnovare la propria Amministrazione, deve assumersi le proprie responsabilità e presentare un proprio Piano per la Transizione ecologica.

Al Candidato a Sindaco del campo progressista e di sinistra, Luca Magliozzi, abbiamo chiesto che tale tema sia posto al centro della agenda e del programma elettorale con il quale ci si presenterà agli elettori formiani.

Le parti che compongono la coalizione che lo sostengono non possono non condividere e molti dei temi accennati sono patrimonio comune al quale va dato il respiro ampio della concretezza.

Naturalmente, non parliamo solo dell’uso e del consumo di energia ma bisognerà intervenire sulla tutela del suolo, indicare i mezzi attraverso quali garantire la conservazione della biodiversità e tutelare le disuguaglianze e agire in termini di disinquinamento.

Una serie di priorità:

Ridurre le emissioni e spendere meno in energia

Contribuire a cambiare il modello produttivo e di consumo

Mobilità: muoversi facilmente, di meno e senza inquinare troppo

Vivere in sicurezza senza che il territorio sia una minaccia per la vita e la salute

Ridurre le disuguaglianze.

Pensiamo all’efficientamento energetico di tutte le strutture comunali e all’ attivazione di uno sportello di aiuto ai cittadini che vogliano realizzare impianti fotovoltaici nelle proprie abitazioni e che promuova il Superbonus rendendolo energeticamente ambizioso.

Il comune vorrà certamente adoperarsi per attivare anche a livello locale le cosiddette Comunità energetiche che sono uno strumento fondamentale per la lotta ai cambiamenti climatici e contro la povertà energetica. Le comunità energetiche sono un insieme di consumatori che si associano a livello locale per condividere energia rinnovabile in uno scambio tra pari, un modello innovativo e non di difficile realizzazione basato su valori di sostenibilità e sul concetto di condivisione di un bene comune ad un prezzo concorrenziale.

Proponiamo che il Comune sostenga progetti agroecologici incentrati su filiere di prossimità, trasparenti ed eque, che porti sul nostro tavolo cibo sostenibile per l’ambiente e la salute. Ciò anche coinvolgendo le realtà agricole del territorio e alcuni Istituti Scolastici del comprensorio, per esempio l’Istituto Alberghiero di Formia.

Un altro intervento, l’incentivazione del Green pubblic procurement, un sistema di acquisti di prodotti e servizi ambientalmente preferibili.

Condividiamo con tutti la volontà di investire ancora di più sulla raccolta differenziata. Dentro tale orientamento di fondo , si può organizzare un Centro Comunale per il riuso , anche in sinergia con il centro comunale di raccolta dei rifiuti esistente, con le finalità di ridurre la produzione di rifiuti da inviare al trattamento o allo smaltimento, favorire il riuso di materiali ed oggetti ancora riutilizzabili, creare una struttura che renda disponibili beni usati ma ancora in condizioni di essere riutilizzati.

Tutte iniziative che creano opportunità di lavoro, intervenendo sia pur parzialmente su disoccupazione e povertà, e si pongono a tutela dell’ambiente e della salute.

Inevitabile non pensare ad un Piano Urbano del Traffico e incominciare seriamente a mettere in campo le infrastrutture necessarie per l’elettrificazione della mobilità. Unitamente ad iniziative che servano a ridurre il traffico con zone pedonalizzate, piste ciclabili, ZTL, proposte di viabilità alternative in grado di far uscire la città dall’ingolfamento nel quale è costretta a vivere.

Mobilità e viabilità rappresentano da sempre una degli ostacoli maggiori allo sviluppo e al benessere dei nostri concittadini. Per questo sono al centro di alcune rilevanti proposte della coalizione e di un importante confronto avviato. Una visione di città sostenibile non può non dare rilevanza a queste problematiche che necessitano approfondimento e confronto e non riproposizione di vecchi schemi.

Non trascurabili, all’interno di questa riflessione, il possibile avvio di processi di digitalizzazione delle strutture comunali e scolastiche e di ragionamenti seri riguardo un possibile piano comunale degli orari dei servizi , in grado di rimodulare gli ingressi al pubblico dei servizi al cittadino ed evitare sovrapposizioni , distribuendo l’accesso del pubblico sull’intera giornata e in maniera sfalsata , utilissimo anche in considerazione dell’emergenza sanitaria purtroppo ancora in atto.

Riteniamo opportuno il potenziamento delle infrastrutture verdi a tutela della biodiversità e contro il dissesto idrogeologico, a tal proposito ricordiamo Il Parco Comunale di Campese, per il quale già esiste un progetto datato fine anni 90, mai realizzato eppure ancora attualissimo.

La città necessita di un Piano Regolatore del Verde Urbano che ridisegni e valorizziil paesaggio e il patrimonio arboreo cittadino.

Il Verde urbano è un bene comune collettivo rilevante che va ampliato, conservato e manutenuto anche in considerazione del fatto che svolge un ruolo ecologico nella regolazione del ciclo del carbonio, nella regolazione della temperatura e nella tutela del suolo rendendolo permeabile e meno sposto a ruscellamenti erosivi.

Nel nostro territorio, tale funzione, soprattutto in alcune aree, è assolutamente necessaria.

Queste riflessioni sono il risultato di incontri tematici che, anche a prescindere dalla imminente competizione elettorale, si stanno svolgendo.

Interverremo naturalmente su altre questioni per noi storiche e rappresentative di un pensiero, tra queste quella dei beni comuni e della pubblicizzazione dell’Acqua e dei Servizi.

Per ora concludiamo, ma non pima di ricordare l’importantissimo e non più rinviabile intervento sul mare e sulla delocalizzazione dell’impiantistica nel Golfo.

Di Area sensibile, disinquinamento e depurazione parliamo ormai da decenni ma è giunto il momento di cambiare marcia, di uscire dalle enunciazioni e di dare gambe ad una proposta datata 2010, fortemente voluta allora e a grande voce reclamata oggi.

La citiamo per ultima, solo per darvi maggiore risalto.

Siamo certi che su queste tematiche, per noi del tutto prioritarie, la coalizione progressista e il suo candidato a Sindaco Luca Magliozzi che Art Uno sostiene siano sulla stessa lunghezza d’onda.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui