Latina Biz – Servizi Notizie Eventi Informazioni Cronaca,Latina Arrestato uomo a Latina per aver picchiato la madre per i soldi

Arrestato uomo a Latina per aver picchiato la madre per i soldi



Carcere di Latina

Nella mattinata del 21 dicembre in un’ appartamento di una palazzina in via dei Volsci è intervenuta la polizia in seguito alla richiesta di aiuto al 113 da parte della donna. Appena giunti sul posto gli agenti hanno trovato in casa il 43enne, fortemente agitato e che alla vista dei poliziotti proferiva frasi gravemente oltraggiose, e la madre in lacrime e visibilmente spaventata.  La ha detto donna agli agenti,  piangendo,  di essere stata aggredita dal figlio, lamentando dolori alla testa, alle spalle e alle braccia, conseguenza delle botte ricevute. L’uomo nel frattempo ha inveito contro i poliziotti gridando frasi come “Non vi do i documenti, servi dello Stato” e tentando di afferrare un coltello dai pensili della cucina ma è stato bloccato e ammanettato. La donna, soccorsa dai sanitari del 118,  è stata portata in ospedale dove le sono state riscontrate ferite giudicate guaribili in 10 giorni; ha riferito alla polizia che il figlio nella mattinatagli aveva chiesto dei soldi e che, notati il suo nervosismo e la sua aggressività, gli aveva dato 20 euro. Ma l’uomo non soddisfatto l’ha colpita,strattonandola e sbattendola più volte contro le pareti della casa. La donna ha poi riferito di “subire maltrattamenti e violenza da tempo da parte del proprio figlio, ma di non averlo mai denunciato per paura di ritorsioni, temendo per la propria incolumità”,  particolari ribaditi anche in sede di denuncia. Il 43enne fermato è stato portato in Questura ed identificato,proseguendo nel suo atteggiamento violento ed oltraggioso contro i poliziotti:dopo aver contattato il Pm di turno gli agenti lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, estorsioni, minaccia, residenti e oltraggio a Pubblico Ufficiale ed associato presso la casa circondariale a disposizione della competente Autorità giudiziaria. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *