Carabinieri

I carabinieri, dopo oltre un mese, è stato rintracciato e arrestato con l’ accusa di maltrattamenti un infermiere 64enne romano che è stato fermato sul posto di lavoro. Per oltre un mese l’uomo era riuscito ad eludere i controlli e a far perdere le proprie tracce mettendosi in ferie e cambiando aria quando aveva intuito che era stata emessa l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti per i reiterati maltrattamenti in ambito domestico. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Terracina, che non hanno mai interrotto le ricerche, sono riusciti a rintracciare sul posto di lavoro l’uomo sfuggito alla cattura nel mese di maggio. I militari, per non destare sospetti all’interno della struttura ospedaliera, si sono finti pazienti in attesa ponendo così fine alla fuga del64enne accusato di gravissimi maltrattamenti nei confronti della compagna e della mamma di lei, entrambe con lui conviventi. Il Gip del Tribunale di Latina Giorgia Castriota, vista la richiesta del pubblico ministero Marco Giancristofaro, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. I carabinieri di Sonnino, come hanno riferito dall’Arma, avevano refertato dettagliatamente all’Autorità Giudiziaria i comportamenti violenti e offensivi dell’uomo nei confronti delle due donne, le quali hanno anche riportato lesioni. I maltrattamenti, secondo quanto è stato ricostruito, andavano avanti da anni, ma le donne avevano sempre temuto di denunciare i fatti per paura di ritorsioni. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui