Furto

C’è stata una razzia nelle abitazioni a Lecce, e precisamente a Nardò, dove sono stati presi un 18enne e un minore,  entrambi residenti nel capoluogo pontino. I due, insieme a una terza complice, sono stati immortalati in un video, diventato virale, mentre erano intenti a compiere un furto in una casa. Gli agenti di polizia hanno fermato in flagranza di reato due dei responsabili, accusati per ora di furto in concorso per un singolo episodio, ma le indagini ovviamente proseguono perché i casi, negli ultimi tempi, sono stati diversi e tutti concentrati nelle zone del Salento, tra Gallipoli, Alezio e Galatone. La ragazza è al momento ricercata.  I furti per i quali si indaga sono stati commessi in qualsiasi ora della giornata, ma sempre in coincidenza con l’assenza dei proprietari, di cui probabilmente la banda riusciva a studiare movimenti e abitudini. La svolta è giunta nel pomeriggio del 23 settembre, quando una donna ha segnalato alla sala operativa del commissariato di Nardò due giovani sospetti, uno dei quali aggrappato a un tubo di scolo dell’acqua piovana sulla facciata di uno stabile, all’altezza da terra di circa 4 metri. Gli agenti, che nel momento della segnalazione si trovavano a pochi metri da quell’edificio, hanno sorpreso i giovani che, a quel punto, hanno tentato di fuggire a piedi. Ma sono stati subito bloccati. Gli investigatori, dopo una prima perlustrazione del luogo hanno trovato un cacciavite di 25 centimetri. E’ stato appurato che una porta finestra del balcone dell’appartamento era stata forzata e l’abitazione era completamente a soqquadro. Magro il bottino: 70 euro in contati e una maglietta Ralph Lauren. Somma corrispondente a quella trovata in tasca ai ragazzi, durante la perquisizione. Sono stati comparati alcuni fotogrammi estrapolati dal sistema di videosorveglianza all’esterno dello stabile con le foto dei ragazzi, verificando così che a compiere il furto era stati proprio i due giovanissimi insieme a una terza complice, in via di identificazione. Il 18enne e il 16enne sono stati arrestati. Il maggiorenne è stato condotto a Lecce, nel carcere di Borgo San Nicola, mentre il minore è stato accompagnato presso un centro di prima accoglienza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui