Di Aprilia la banda di ladri che colpiva nelle ville della Sardegna: 4 arresti

Porto Torres

Una vacanza in Sardegna o a fare qualcosa altro? Si, perché una banda di quattro persone di etnia Sinti andavano in Sardegna partendo da Aprilia, la città dove hanno la residenza. Nel mese di luglio hanno messo a segno furti a raffica, in ville e appartamenti di  Porto Torres in Sardegna. Sono stati arrestati dalla Polizia, Fabrizio Fè 27 anni, Francesco Spera 39 anni, Samuel Lucchesi 29 anni. Risiedevano tutti nella città pontina dove in questi giorni si concentrano le attenzioni dell’antiterrorismo mondiale. Con i tre apriliani è finito in manette anche Denni Quirini, romano residente nella Capitale. Il bottino, portato a casa in provincia di Latina, era nascosto così a molti chilometri e diverse miglia marine  dal luogo in cui era stato saccheggiato: oltre sessanta oggetti preziosi sono stati trovati dalla polizia nel corso di una serie di perquisizioni e riconosciuti poi dalle vittime dei furti. Gli investigatori della Polizia hanno seguito il gruppo esperto anche attraverso le tracce elettroniche: in estate raggiungevano posti turistici, e si spostavano con auto prese a noleggio cambiandole di continuo per non destare sospetti. Ma era chiaro che, dove i quattro apparivano, si verificano furti in ville o appartamenti. Sfrontati, così si mostravano. quando gioielli e altri oggetti di valore sono stati sequestrati alla banda in un’operazione della polizia, loro se la ridevano e sul web postavano sfottò: “Ma che ce frega se mezzo chilo ce l’hanno preso…” facendo riferimento ad un sequestro di preziosi del 16 luglio. Nei giorni scorsi i poliziotti della Squadra Mobile di Latina hanno eseguito diverse perquisizioni notturne nelle abitazioni degli indagati ad Aprilia. E ieri sono scattate le manette: nel pomeriggio sentendosi braccati i quattro hanno si sono presentati ai carabinieri di Aprilia e si sono fatti notificare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Sassari. Sono ospite adesso nel carcere di Latina.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *