APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI SOCIALI TRA I COMUNI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO LT-5

L'assessore alle Politiche Sociali del Comune di Formia Eliana Talamas
L’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Formia Eliana Talamas
Consiglio comunale di Formia
Consiglio comunale di Formia

 

Gonfalone Città di Formia
Gonfalone Città di Formia

 

Nel consiglio comunale di Formia del  26 marzo è stato approvata la presa d’atto di uno schema di convenzione per la gestione dei servizi sociali, socio sanitari e socio assistenziali del distretto LT5 (ex Formia – Gaeta), perché si doveva convenzionare questi servizi anche in base a direttive regionali per ottimizzare i costi per le persone che devono avere questi servizi. Infatti il consiglio comunale doveva approvare questo punto all’ordine del giorno: PRESA D’ATTO D.G.C. N. 11/2015 “GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIOASSISTENZIALI E SOCIO SANITARI TRA I COMUNI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO LT-5 (EX FORMIA – GAETA) – APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE”.

 

L’assessore nel suo intervento ha spiegato come devono essere gestiti questi servizi, ossia in forma associata, e pertanto Formia, comune capofila di questo distretto di comuni compresi in questa porzione distrettuale deve saper gestire questi servizi, ovviamente secondo il regolamento approvato in precedenza dalla regione Lazio, ovviamente sullo schema di convenzione vengono confermati i servizi relativi al pronto soccorso, i servizi domiciliari, i minori, i servizi per i disabili. Con questa convenzione i comuni si impegnano a stipulare una omogeneità delle prestazioni dei servizi alla persona, con attuazione del bilancio ai fini di applicare la convenzione stessa e la successiva erogazione dei servizi, e Formia essendo Comune capofila si sta confermando come delegato alla ricezione di tutti i servizi che sono oggetto della convenzione in ambito territoriale.

 

Una volta illustrata la relazione sulla situazione dei servizi, l’opposizione ha preso la parola per puntualizzare una richiesta che poi è stata fatta attraverso un ordine del giorno chiedendo al Sindaco di potersi impegnare in tal senso, ossia l’eliporto, perché secondo i consiglieri dell’opposizione questo servizio doveva rientrare nello schema di convenzione, cosa che invece non è stata prevista. Essendo un servizio che è utile per tutto il comprensorio territoriale, allora si spiega la preoccupazione dell’opposizione in merito a questo servizio. Il presidente del Consiglio Tallerini rispondeva che questo servizio è più di competenza del Servizio Civile anziché sei Servizi Sociali.

 

Ma la risposta significativa veniva data dal Sindaco Sandro Bartolomeo, il quale questi fondi sono esclusivamente utilizzabili per l’Assessorato per i servizi sociali, e non posso essere utilizzati per altre situazioni, e per quanto riguarda l’eliporto, il sindaco crede che tutti, in base alla proporzione degli abitanti possono contribuire per accedere a questo servizio utilissimo, specialmente per trasportare malati che hanno bisogno di un ricovero urgente presso strutture sanitarie specializzate presenti in Roma o in Napoli (le grandi città più vicine), perché attualmente all’Enaoli questo servizio funziona solamente di giorno mentre di notte, son essendoci la guardia notturna per vigilare sulla struttura, questo servizio di notte non può essere effettuato. L’assessore ai servizi sociali ha puntualizzato che poi la convenzione sarà ad ampio raggio in un prossimo futuro.

Comunque l’opposizione ha presentato quest’ordine del giorno votato all’unanimità da tutti i consiglieri presenti al fine di soddisfare le esigenze sanitarie presenti nel Golfo di Gaeta per cercare di ottimizzare il servizio in tutta la fascia oraria dell’intero giorno, ossia h24, per cui l’impegno che il Sindaco e l’Amministrazione Comunale dovranno assumere per reperire fondi per migliorare il servizio dell’eliporto in chiave sanitaria.

 

Sperando che il governo, come si legge in questi giorni, non voglia ulteriormente tagliare fondi destinati a questi servizi di importanza primaria, comunque sta di fatto che offrire aiuto ed assistenza a chi ne ha veramente bisogno dia l’occasione per una responsabilizzazione per il miglioramento di qualunque servizio alla persona che un Comune come Formia può espletare nella massima professionalità e competenza.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *